ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

OPERE A-Z
Giorgio Manganelli

Centuria (1979)

Tutto in una pagina
(Giordano Amicucci)

*
Cento piccoli romanzi fiume, dice il sottotitolo. Cento perle di rara bellezza ed eleganza. Con questi suoi piccoli romanzi Manganelli crea mondi alternativi eppure sottilmente legati, in un turbine di visioni ed emozioni.

*

i sono libri che cambiano la vita, libri che cambiano il modo di vedere le cose, libri semplicemente belli o brutti. Esistono romanzi, racconti, saghe, raccolte di novelle.

E poi c’è questa piccola enciclopedia, nella forma di un libro di sole trecento pagine, in cui sono contenuti cento – oltre cento, in verità, visto che la nuova ristampa comprende anche altre trenta unità – romanzi fiume, come li definisce lo stesso autore.

Piccoli per lunghezza, non per essenza e quantità di significati; fiume, perché il lettore attento viene trascinato con forza dalle parole, ma che devono essere ben soppesate.

L’idea di Giorgio Manganelli nasce da un esercizio di scrittura: l'autore prese dei semplici fogli A4 e iniziò a scrivere, ponendosi come limite il bordo del foglio, ma dando libero sfogo alla potenza narrativa.

Eppure, come molti hanno rilevato, c'è molto di più.

Di fronte ad un libro che si adatta a quanti non dispongono del tempo per leggere molti romanzi, (ogni centuria si lascia leggere – o divorare – in pochi minuti), sfido chiunque a non dover tornare con rinnovata attenzione su ogni passo, parola, analizzare ogni anfratto di questo labirinto di significati. Un intrico in cui può essere facile perdersi se si rimane ancorati a una singola idea di realtà narrativa, ma nel quale il lettore smaliziato si lascia naufragare, trascinato in un vortice di parole, gettare al di là di quello specchio in cui la realtà è rovesciata, e si sdoppia: non ne esiste più una sola.

*

Un libro intenso, brusco, sottile e ironico, imprevedibile e cinico. Si ferma al limite della coscienza, tentando di squarciare la nostra idea di letteratura. Si va a salti, ci sono argomenti che ritornano più volte, ogni volta visti da una prospettiva differente: un fantasma triste e solitario nel suo castello che aspetta chissà cosa, uomini soli in una città deserta, assassini, draghi e cavalieri, fate, sogni e incubi.

E tutto rispecchia l’inquietudine di un’umanità dispersa, che passa nel giro di due righe dalla felicità estrema all’estrema depressione. Sarebbe alquanto difficile descrivere cosa avviene nei vari racconti, ma considero emblematica la centuria cinquantuno:

    «La persona che abita lì, al terzo piano non esiste. Non intendo dire che l’appartamento è sfitto, o inabitato: intendo dire che la persona che lo abita è inesistente. […] una persona che non esiste non ha problemi sociali, non deve affrontare la minuta fatica della conversazione con i coinquilini.»

Ma

    […] Essi avvertono nell’impeccabile condotta dell’inesistente una continua reprimenda. “Ma chi si crede i essere, solo perché non c’è”, mormorano; è chiaro, hanno cominciato a invidiare, presto odieranno la disinvolta, evasiva perfezione del nulla.

Forse l’idea della letteratura per Manganelli è tutta lì: la letteratura è un nulla da invidiare, una perfezione irraggiungibile, mai innocua, utile, forse, per raggiungere una personale verità della vita, non imposta dal mondo esterno.

*

*

Per esprimere la tua opinione e partecipare al dibattito aperto innescato da questo brano:



NOTE



BIBLIOGRAFIA
Giorgio Manganelli, Centuria. Cento piccoli romanzi fiume, Milano, 1995, Adelphi

Milano, 2008-03-31 17:17:44

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«Erano gli ultimi anni prima che ci capitasse tra coppa e collo questo benessere economico, come una piacevole legnata che ci ha fatto perdere l’orientamento»

(Luigi Meneghello, Libera nos a malo)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Chi decide della dignità di un nano?
Ovvero, la liberta di liberarsi da alcune libertà fondamentali
Un sano pragmatismo fondato sull'alleanza tra scienza laica e filosofia permea Il lancio del nano, accanto a una tenace, puntigliosa, divertita curiosità per quelli che sono i veri e falsi dilemmi e i paradossi della morale moderna. Le forze oscurantiste ostacolano la risoluzione di tali dilemmi. Armando Massarenti inquadra la diatriba fra una cultura arroccata sul giustificazionismo a-storico, e una cultura aperta alla comprensione del nostro tempo, alla complessità dei suoi problemi, alle sfide della scienza e del sapere filosofico, e soprattutto ai mutamenti che le trasformazioni sociali impongono ai codici etico-morali. (Roberto Caracci)
Vissuto da pelle femminile
Intervista con Clara Sereni
«Penso che politica e amore restino parole, emozioni, sentimenti legati ancora strettissimamente, non foss’altro perché non mi immagino una forma di amore, o anche soltanto di relazione, di rapporto anche amicale, che prescinda dalla visione del mondo di cui ciascuno è portatore». Per provare a raccontare la storia di una generazione, Clara Sereni doveva raccontarne le sfaccettature, mettendolo in conto di non doversene imbarazzare. (Paolo Di Paolo)
Nel buio della notte
Un punto invisibile, anonimo, da cui si scrive
È la Parigi anni '70 la protagonista di Nel buio della notte (1976), con il suo tessuto sociale e urbano in mutamento e al centro, emblematico, il quartiere le Halles. Un confronto dell'esperienza di Alba De Céspedes con quella di Italo Calvino, sul piano delle difficoltà che l’essere umano incontra nel suo tentativo di stabilire un rapporto con le trasformazioni della sua città, il senso di smarrimento e solitudine di fronte al nuovo che avanza, che passa, dalla dicotomia tra vecchio e nuovo, al conflitto generazionale. (Eva Di Tullio)

I due destini di uno scarto
(Grazie ad esso la vita acquista un senso nuovo)
La velocita lo comprime. Ogni secondo diventa prezioso per chi vuole arrivare e per chi, al contrario, non desidera partire. O meglio... di-partire. Del tempo, dunque, meglio non gettare via nulla. Neanche uno scarto. (Carla Montuschi)
Tra Sogno e Tragedia
Il mito della ninfa più affascinante dell'Odissea
In Nausicaa, poema drammatico in tre atti, il viaggio in Sicilia dello scrittore, poeta e drammaturgo Giuseppe Conte sulle orme di Johann Wolfgang Goethe si trasforma in tre giorni di composizione febbrile sul mito della principessa Nausicaa, sfortunata amante di Ulisse. (Giordano Amicucci)
Sergio Corazzini
Il più rappresentativo dei poeti crepuscolari
Nato a Roma, Sergio Corazzini è precursore del crepuscolarismo di cui frequentava gli esponenti al caffè Sartoris. Influenzato dai simbolisti e dai decadenti europei fa da cerniera tra la poesia sublime e l'elegia alla semplicità del quotidiano, alla nuova poetica novecentesca. Minato da una tubercolosi ereditaria ne fa la propria ispirazione per una poesia intensa e originalissima (Redazione Virtuale)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008