ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

OPERE A-Z
Sergio Corazzini

Biografia (1886-1907)

Il più rappresentativo dei poeti crepuscolari
(Redazione Virtuale)

*
Nato a Roma, Sergio Corazzini è precursore del crepuscolarismo di cui frequentava gli esponenti al caffè Sartoris. Influenzato dai simbolisti e dai decadenti europei fa da cerniera tra la poesia sublime e l'elegia alla semplicità del quotidiano, alla nuova poetica novecentesca. Minato da una tubercolosi ereditaria ne fa la propria ispirazione per una poesia intensa e originalissima

    «La mia vita sarà senza dubbio di assai breve durata e me ne andrò, forse un giorno, il giorno in cui un incidente fatuo, in apparenza, determinerà per sempre, la grande risoluzione»
    [Sergio Corazzini, in una lettera del 21 agosto 1905 ad Antonello Caprino]

*

na meteora. Un astro che sprigiona luce, che abbaglia i suoi contemporanei e risplende tanto intensamente quanto brevemente. Nato a Roma nel 1886, Sergio Corazzini frequenta il ginnasio nel Collegio Nazionale di Spoleto che, a causa delle ristrettezze economiche della famiglia, dovute al fallimento della tabaccheria gestita dai genitori, deve presto abbandonare per far rientro nella Capitale.

Nato benestante, per contribuire al sostentamento della famiglia trova impiego in una compagnia di assicurazioni (La Prussiana), in un ufficio al pian terreno, con delle inferriate che danno su un cortile interno. Un ambiente angusto che il poeta descriverà in Soliloquio di un pazzo.

La sua formazione culturale e poetica è influenzata prevalentemente dai simbolisti e dai decadenti europei, fra questi Paul Verlain (1844-1896), Francis Jammes (1868-1938), Georges Rodenbach (1855-1898), Jules Laforgue (1860-1887) oltre che dai grandi poeti italiani: Pascoli, D'Annunzio e Corrado Govoni. Insieme a Guido Gozzano, Aldo Palazzeschi e a Marino Moretti – incontrati al Caffè Sartoris, punto di riferimento della poesia romana del tempo: «Ancora i testimoni di allora descrivono Sergio in pose forzate da poete maudit, da dandy dall'aria viziosa, ricercato nel vestire e accanito bevitore di Pernod» (Idolina Landolfi) – è iniziatore di una nuova poetica, battezzata da Giuseppe Antonio Borgese "crepuscolarismo", in ossequio ai temi che questi giovani poeti, innestandosi in una tradizione dominata da Pascoli e D'Annunzio, circoscrivono a situazioni e ambienti “oscuri”: chiese, ospedali, luoghi solitari, personaggi malati, destinati precocemente alla morte.

*

«I toni dolci e melanconici dei suoi versi, la ricerca delle piccole cose che possono confortarlo in un'esistenza difficile e il sottile distacco ironico fanno di Corazzini il precursore del crepuscolarimo. Rappresenta quindi il passaggio dalla poesia sublime di D'Annunzio e dall'elegiaco di Pascoli alla semplicità del quotidiano , dalla poesia di fine Ottocento, decadente e solitaria, alla nuova poetica novecentesca di Eugenio Montale, Umberto Saba e Giuseppe Ungaretti.» (Emilio Cecchi).

I suoi argomenti vanno a interessare «il senso di estenuazione spirituale (etisia), il rifiuto del ruolo impegnativo del poeta, il distacco dai problemi politici e sociali del tempo. [...] Pur nella fugacità del tirocinio poetico, Corazzini è per certi aspetti il più rappresentativo dei poeti crepuscolari. In lui confluiscono tutti i temi della nuova poetica: 1) la sconsolata stanchezza del vivere, 2) il rifiuto del ruolo del poeta, 3) l'infantile rifugio nelle piccole cose quotidiane e domestiche, 4) le patetiche note degli organetti. Ma è soprattutto caratteristico di Corazzini il senso di morte incombente e ineluttabile, spesso vissuto con vagheggiamento della propria umana fragilità» (Maurizio Dardano).

Il fisico di Sergio Corazzini è minato da una forma di tubercolosi ereditaria che si manifesta nel 1904, aggravandosi velocemente. Nel 1906 il poeta viene ricoverato, prima a Nocera, dove conosce Sonia, una danese di cui si innamora platonicamente, e quindi nell'ospedale di Nettuno, ma già all'inizio del 1907, senza più speranze, fa rientro nella Capitale, oramai avvitato in un declino fisico inarrestabile, un destino ineluttabile.

Aveva pubblicato in alcune riveste romane e napoletane poesie sparse che costituiscono parziali anticipazioni o rifacimenti delle poesie poi raccolte in volume. Le prime poesie sono in dialetto romanesco. La sua produzione poetica è costituita da cinque raccolte e versi sparsi: nella prima, Dolcezze (1904), Marziano Guglielminetti ravvede echi di Pascoli (Poemetti) e di D'Annunzio, unitamente a «recuperi di certo simbolismo stilnovista».

Nel 1905 partecipa alla rivista quindicinale «Cronache latine», di cui usciranno tre numeri. La raccoltaL'amaro Calice contiene liriche come Invito e Rime del cuore morto, Toblack esprime uno spirito personale non del tutto tragico, ma positivo, concreto e realistico. Nel 1905, al teatro Metastasio di Roma, viene rappresentata anche l'unica opera teatrale conosciuta di Corazzini: Il traguardo.

*

La terza raccolta Le aureole del luglio 1905 rappresenta uno spartiacque tra la prima produzione poetica e la seconda produzione che inizia con la quarta silloge, Piccolo libro inutile (1906), in cui domina uno spirito tragico, religioso, pessimistico e quasi mistico. La penultima produzione di Corazzini comprende il componimento poetico Elegia (1906), Poemetti in prosa (1906) e la quinta raccolta Libro per la sera della domenica che contiene soprattutto motivi crepuscolari. Mentre l'estremo sforzo creativo è costituita dalla lirica Il sentiero e la bellissima La morte di Tantalo dominata da uno spirito e da un linguaggio favolista e simbolico, che «rappresenta una condanna alla vita bella sua eterna, quotidiana tragicità; una vita bassa, vile, una vita di fatica, una vita piena di desideri, dunque una vita che non ha più dell'umano, indegna di essere vissuta: solo il vuoto, il nulla dell'eterno errare.

    E aggiungi che non morremo più
    e che andremo per la vita
    errando per sempre.

La morte di Tantalo è la lirica che ha affascinato i critici per il suo spiccato simbolismo, spingendoli alle più varie interpretazioni. Essa è il rovesciamento, la negazione della lenta morte di Desolazione del povero poeta sentimentale» (Idolina Landolfi ).

Nei mesi che ne precedono la fine compone le ultime poesie: Il sentiero e La morte di Tantalo, pubblicata postuma. Si spegne prematuramente, il 17 giugno 1907 a Roma.

*

Per esprimere la tua opinione e partecipare al dibattito aperto innescato da questo brano:



NOTE
Questo articolo è basato sugli appunti forniti gentilmente a ItaliaLibri da Biagio Carrubba



BIBLIOGRAFIA
Marziano Guglielminetti, Poeti e scrittori e movimenti culturali del primo Novecento in Enrico Malato, Storia della Letteratura italiana (Salerno Editrice 1999).
Emilio Cecchi, I crepuscolari: Gozzano e Corazzini, in Emilio Cecchi e Natalino Sapegno, Storia della Letteratura Italiana, (Garzanti Grandi Opere 2001).
Filippo Donini, Vita e Poesia di Sergio Corazzini (De Silva, Torino 1949).
Idolina Landolfi Poesie di Sergio Corazzini (Biblioteca Universale Rizzoli 1999).
Romano Luperini in Poeti italiani del XX secolo (Editore Palumbo) Maurizio Dardano, I testi, le forme, la storia : antologia italiana per il biennio delle scuole medie superiori - (Palermo! - stampa 1998).

Milano, 2013-02-05 10:30:27

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«Mai davvero felice e mai del tutto / infelice – oh, l’ho capito; e mi regolo. / Ma pensare la gioia, almeno quello: / pensarla! e qualche volta, senza farsi/ troppe idee, senza montarsi la testa, / annusarla, sfiorarla con le dita / come se fosse (non lo è?) l’avanzo / della vita di un santo, una reliquia...»

(Giovanni Raboni)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Raffaello e la loggia di Amore e Psiche alla Farnesina.
La favola di Apuleio ricorda forse le vicende del costruttore
La Farnesina, costruita da Agostino Chigi presso la Porta Settimiana nel 1505 è nota agli intenditori per la sua loggia e per le decorazioni eseguite da Raffaello sul tema di "Amore e Psiche". (Elena Marocchi)
Il ruolo dell'intellettuale contemporaneo
Intervista con Amos Luzzatto
Che scelte si possono operare quando ci sono forze gigantesche a influenzare la cultura che pervade i nostri sentimenti? Si può ancora parlare di “libero” arbitrio, di salvezza e di emancipazione? Che cosa possiamo conoscere? Che cosa dobbiamo fare? In che cosa possiamo sperare? Tre raccomandazioni di Amos Luzzatto per l'intellettuale contemporaneo impegnato a navigare attraverso le acque agitate di questa società, spazzata dal vento torrido dell'"antipolitica". (Laura Tussi)
Ereditarietà e predestinazione nei personaggi de “I Viceré”
Romanzo-simbolo della decadenza e della fine non solo di una stirpe ma di tutta una condizione sociale.
L'itinerario stilistico di Federico De Roberto può considerarsi inscritto sull’asse verismo-naturalismo-psicologismo. "I Viceré" è il risultato dell’elaborazione dei vari passaggi che lo hanno svincolato da ogni precedente “ismo“. Nel romanzo la storia della Sicilia post-garibaldina viene delineata attraverso le vicende private degli Uzeda di Francalanza, il cui ultimo “discendente” sarà soltanto un groviglio di cromosomi degenerati. (Anna Maria Bonfiglio)

Amante disperata
Breve racconto allegorico
Una lettera di sfogo ad un uomo dal cuore indurito dall'egoismo, un uomo cui quest'Amante aveva dedicato tutta sè stessa... tutte le sue energie... (Carla Montuschi)
Democrazia critica
Un contributo illuminante e una proposta per contrastare alcuni fenomeni degenerativi della società democratica
Nel saggio ‘Il crucifige e la democrazia’, secondo il sottile e sofisticato ragionamento di Gustavo Zagrebelsky, una teoria della democrazia come fine e non solo come mezzo deve saper proporre un modello di pensiero ‘che non presuma di possedere la verità e la giustizia, ma nemmeno ne consideri insensata la ricerca’. (Redazione Virtuale)
Il giudice mite
Il pensiero, tra verità e dubbio
Gustavo Zagrebelsky, piemontese, è uno degli spiriti più brillanti della magistratura, un sostenitore convinto delle potenzialità di sviluppo della democrazia, uno strenuo difensore della carta costituzionale e della laicità dello Stato. (Redazione Virtuale)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008