ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

OPERE A-Z
Umberto Piersanti

Olimpo (2006)

Terzo romanzo del poeta Umberto Piersanti
(Raffaella Bettiol)

*
La storia di un professore più che maturo e della sua breve relazione con una ragazza "no global" s'intreccia con quella dell’ascesa sul Monte Olimpo di due giovani: Anticlo, poeta-filosofo, e Laodoco, impareggiabile atleta e guerriero. Due storie unite da un profondo sentimento della natura che riveste i due monti, geograficamente distanti, ma accomunati dalla vegetazione mediterranea e dal mito della gionentù e dell'amore

*

limpo (Avagliano,Roma, 2006) è il terzo romanzo del poeta Umberto Piersanti, dopo L'uomo delle Cesane (Camunia, Milano,1994) e L'estate dell'altro millennio (Marsilio, Venezia, 2001). Se L'uomo delle Cesane può definirsi un romanzo d'iniziazione, L'Estate dell'altro millennio appartiene al genere epico-storico, in quanto vi si affronta il tema della guerra la Seconda Guerra mondiale.

Olimpo, invece, non è facilmente catalogabile, perché nel racconto diversi generi letterari si fondono, si compenetrano.

Sicuramente è un' opera che cerca di dare una risposta agli interrogativi fondamentali sui quali da sempre s'arrovella l'uomo, sul suo rapporto con la natura, il cosmo, le divinità.

In questo romanzo due storie s'intersecano: nella prima, di cornice, un professore più che maturo ha una breve relazione con una giovane ragazza no global. La loro percezione del mondo è assolutamente antitetica eppure il loro rapporto, seppur breve, è ugualmente intenso e autentico.

Luca, il professore, esprime una vocazione liberal, laica e razionale, Elisa, la ragazza no global, accetta questo rapporto in nome di una sua specifica curiosità intellettuale e culturale. Vi è tra i due protagonisti un ineluttabile scontro generazionale, ciò non toglie che la loro breve vicenda sia comunque sincera. L'eros, pur presente, non costituisce un elemento di fondo di questo incontro. Entrambi, forse, aldilà delle loro posizioni ideologiche differenti, s'incontrano in un inconfessato desiderio di tenerezza, d'abbandono, uniti dalla natura che li circonda.

*

Durante una notte di pioggia, in una casa isolata e persa ai piedi del monte Catria, Luca narrerà alla giovane una storia (la seconda storia del nostro romanzo) remota, lontana. Il tentativo dell'ascesa sul Monte Olimpo di due giovani: Anticlo, poeta-filosofo, e Laodoco, impareggiabile atleta e guerriero. È la rievocazione di un mondo antico con le sue regole, i suoi divieti. Il rapporto tra presente e passato mitico è affrontato senza il gusto dell'esoterico o del fantasy, ma come ricerca d'armonia, di perfezione.

Anticlo incarna quel grande momento della civiltà occidentale, rappresentato dalla filosofia presocratica in base alla quale l'uomo, superando la percezione politeista, pose il centro dell'essere nella natura in quanto tale. L'autore fa dire ad Anticlo, dopo aver incontrato Eudoro, il saggio, il quale vive isolato tra i boschi: «Eudoro ha ragione: bisogna contemplarlo il mondo, non fare altro. Viverci dentro, essere come lo stelo o quel petalo di rosa che vacilla, che domani sarà tra l'erba, ma vivo, vivo anche quando, oltre domani, si sarà consumato nella terra, dissolto a poco a poco».

Il giovane filosofo, spinto dal crescente bisogno di dare una risposta ai dubbi, alle domande che lo assillano circa l'esistenza degli dei, deciderà d'iniziare la sua salita verso l'Olimpo, ma via via che si avvicinerà al raggiungimento della meta, il richiamo della casa, della sua terra lo sospingerà verso il ritorno.

Il senso della natura è uno dei momenti fondamentali del romanzo che unisce le due storie: la cornice e il racconto principale. Tra il Catria e l'Olimpo, infatti, corre uno stretto rapporto. Uguale ne è la fauna, la vegetazione; la storia di Luca ed Elisa si svolge vicino a Frontone, borgo medievale ai piedi del Catria, il cui castello svetta alla sommità di un alto colle roccioso. L'autore cita un incredibile varietà di piante, di fiori tutte tipiche dell'area appenninica e mediterranea, e vi è una stretta connessione, direi quasi un'empatia, tra la natura e i diversi momenti della narrazione.

Laodoco, il giovane atleta e guerriero, parte per l'Olimpo sospinto dal desiderio di un'impresa straordinaria, eccezionale, mai compiuta prima. Anche lui, tuttavia, desisterà sorpreso dalla nostalgia dei ricordi, dal suo amore per Rossane, la bellissima schiava Armena, un tempo principessa, di cui ama la dolce alterigia, la fierezza che da lei sempre traspare.

L'eros, pur presente nel romanzo, non ha le note violente, trasgressive, così frequenti nella letteratura contemporanea, quello piersantiano è un eros solare, proteso alla ricerca di un difficile ma tenace idillio.

*

Anticlo e Laodoco sono in qualche modo due personaggi danteschi e omerici al tempo stesso: partono, infatti, sospinti dal desiderio di andare oltre, di sfidare Le Colonne d'Ercole, ma si fermano un attimo prima e il loro folle volo si fa nostos, ossia viaggio di ritorno.

Non sospendono la loro impresa per il timore della morte, ma perché tra il cielo e la terra scelgono quest'ultima alla quale sono legati da un amore totale.

Il tessuto narrativo del racconto è intenso, lirico,l'occhio dell'autore è sempre quello del poeta, che cerca nelle cose un'intrinseca armonia, un equilibrio perfetto.

Vibra, infine, nelle pagine di Olimpo, una percezione assoluta della natura, direi quasi sacrale, panteistica, tale da renderla, forse, l'unica vera protagonista del romanzo.

*

Per esprimere la tua opinione e partecipare al dibattito aperto innescato da questo brano:



NOTE
L'immagine in apertura rappresenta una moneta raffigurante Giove Pluvio.



BIBLIOGRAFIA
Umberto Piersanti, Olimpo (Avagliano, Roma, 2006)

Milano, 2007-06-04 19:58:54

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«In un’epoca di progresso puramente orizzontale, nella quale il gruppo umano appare sempre più simile a quella fila di cinesi condotti alla ghigliottina di cui è detto nelle cronache della rivolta dei Boxers, il solo atteggiamento non frivolo appare quello del cinese che, nella fila, leggeva un libro.»

(Cristina Campo, Gli imperdonabili)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Chi decide della dignità di un nano?
Ovvero, la liberta di liberarsi da alcune libertà fondamentali
Un sano pragmatismo fondato sull'alleanza tra scienza laica e filosofia permea Il lancio del nano, accanto a una tenace, puntigliosa, divertita curiosità per quelli che sono i veri e falsi dilemmi e i paradossi della morale moderna. Le forze oscurantiste ostacolano la risoluzione di tali dilemmi. Armando Massarenti inquadra la diatriba fra una cultura arroccata sul giustificazionismo a-storico, e una cultura aperta alla comprensione del nostro tempo, alla complessità dei suoi problemi, alle sfide della scienza e del sapere filosofico, e soprattutto ai mutamenti che le trasformazioni sociali impongono ai codici etico-morali. (Roberto Caracci)
Fragilità dell'identità nazionale
(Ma l'universale umano è un valore superiore)
Claudio Magris parla della natura che riveste un confine a lui prossimo e di quell'altra, la natura degli esseri umani. Parla di alcune opere che la sua penna felice ci ha donato, parla della letteratura e dei suoi guasti e parla del proprio rapporto con il lettore. Parla della lingua, dell'identità e della cultura nazionali come opportunità di conoscenza ma anche di disconoscimento. Parla della globalizzazione, della competitività e della crescente difficoltà che uno scrittore incontra oggi se vuole coprire fino in fondo il proprio ruolo d'intellettuale. (Sergio Sozi)
Ereditarietà e predestinazione nei personaggi de “I Viceré”
Romanzo-simbolo della decadenza e della fine non solo di una stirpe ma di tutta una condizione sociale.
L'itinerario stilistico di Federico De Roberto può considerarsi inscritto sull’asse verismo-naturalismo-psicologismo. "I Viceré" è il risultato dell’elaborazione dei vari passaggi che lo hanno svincolato da ogni precedente “ismo“. Nel romanzo la storia della Sicilia post-garibaldina viene delineata attraverso le vicende private degli Uzeda di Francalanza, il cui ultimo “discendente” sarà soltanto un groviglio di cromosomi degenerati. (Anna Maria Bonfiglio)

Greenpeace e la gestione dei rifiuti urbani
Spingere verso soluzioni sicure per la salute e per l'ambiente e condivise dai cittadini
Negli ultimi anni in Italia abbiamo assistito ad una crescente e smisurata produzione di rifiuti, indice di una società sempre più orientata ai consumi e verso il sistema usa e getta. La corretta gestione dei rifiuti, secondo Greenpeace, è quella che ha come obiettivo la minimizzazione della quantità dei materiali da portare allo smaltimento finale. Questo si traduce nella minimizzazione della produzione dei rifiuti e nella massimizzazione del recupero dei materiali presenti nei rifiuti. (Vittoria Polidori)
Il mistero della gabbietta vuota
La realtà parallela di Anna Maria Ortese
Quando apparve Il cardillo addolorato fu subito un bestseller. Ancora oggi i tre amici giunti a Napoli da Liegi, nel loro incontro con la popolazione ci aiutano a scoprire una città avviluppata nel mistero e nella propria inerzia. A Napoli - scrive Anna Maria Ortese - retorica e letteratura da strapazzo sono già tutte depositate nel costume, rifulgono nei modi civettuoli e vani delle dame, e scintillano nelle sale da ricevimento, nelle chiese sfarzose... (Redazione Virtuale)
Povera, ma non semplice
E alla fine l'hanno capita anche i critici
Anna Maria Ortese è tra i pochi scrittori italiani ad aver saputo praticare a livello altissimo la professione del giornalista, dell'inviato; ha saputo raccontare l'Italia del suo tempo, e non solo l'Italia, come pochi altri nostri scrittori e pochissimi giornalisti. La critica italiana e internazionale la pone oggi, con il suo spirito audace e visionario, tra le figure più grandi della letteratura europea, al pari della della Morante, della Woolf e della Mansfield. (Redazione Virtuale)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008