ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

OPERE A-Z
Valerio Varesi

Le imperfezioni (1959)

Un testo insolito di uno scrittore di gialli
(Margaret Collina)

*
Piccoli furti misteriosi, un questurino filosofo che indaga con accanimento, un suicida il cui gesto lascia dubbiosi e sconcertati. Valerio Varesi non indaga su delitti qualsiasi, bensì sul Delitto dei nosti tempi: l'uccisione dell'etica, del senso di responsabilità individuale e collettiva.

*

ifficilmente si può dimenticare una frase come questa: «Non voglio uscire perchè la luce del giorno disturba la mia luce interiore», e difficilmente si può restare indifferenti di fronte a questo libro quantomeno inusuale nel panorama letterario italiano degli ultimi anni.

Varesi, giallista per convenzione, ma pur sempre scrittore sensibile, profondo, dallo stile inconfondibile perchè mai omologato, si cimenta in quest'ultima opera con tematiche talmente vaste da suscitare una timorosa inquietudine. La cifra, anche qui, è in apparenza quella del giallo: piccoli furti misteriosi, un questurino filosofo che indaga con accanimento, un suicida il cui gesto lascia dubbiosi e sconcertati. Ma subito, il lettore comprende che nel libro non si indaga su delitti qualsiasi, bensì sul Delitto, ovvero sul crimine esiziale dei nosti tempi: l'uccisione dell'etica, del senso della responsabilità individuale e collettiva. E tutto il romanzo si dilata in un lungo, serrato interrogatorio - che coinvolge insieme al protagonista, di volta in volta tutti gli altri personaggi - alla ricerca di un responsabile che resterà impunito, perchè non indentificabile, e dotato della forza cruenta dell'ineluttabilità.

I dialoghi apodittici, insinuanti, caratterizzati da un respiro universale (ormai così raro in letteratura), inducono a riflessione amarissima, eppure incontrovertibile, sui mali che affliggono il nostro tempo. Mentre il protagonista, nella sua ininfluenza esistenziale, nella sua tragica ammissione di impotenza, ci appare come una sorta di eroe paleocristiano, costretto alle catacombe della vita civile, per poter continuare a rispettare se stesso e la propria posizione ideologica minoritaria.

*

Ciò che i "perdenti" del romanzo trasmettono all'attento lettore, non è il senso della sconfitta, bensì la strenua lotta in difesa della propria diversità. Varesi fa dire a Savani, il giornalista umiliato, il mite antieroe del romanzo: «Allora ho guardato Corbetta, e ho pensato che la facoltà di interpretare è una continua mutilazione...», ma in realtà, da tutto il libro traspare una convinzione esattamente opposta dell'autore, che proprio attraverso la diegetica del suo scrivere, scava tanto in profondità, da estrarre infine gli elementi utili ad arricchire i nostri orizzonti vitali. Valerio Varesi è nato a Torino l'otto agosto 1959 da genitori parmensi. A tre anni è tornato nella città emiliana dov'è cresciuto e ha studiato. Si è laureato in filosofia all'università di Bologna con una tesi su Kierkegaard. corrispondente da Parma per «La Stampa» e «La Repubblica», nell'87 ha lavorato alla «Gazzetta di Parma» e nel '90 è passato alla redazione bolognese del quotidiano «La Repubblica», per cui attualmente lavora.

*

*

Per esprimere la tua opinione e partecipare al dibattito aperto innescato da questo brano:



NOTE



BIBLIOGRAFIA
Le imperfezioni, Editore Frassinelli (2007)
Ultime notizie di una fuga ed. Mobydick
Bersaglio, l'oblio edito da Diabasis
Il cineclub del mistero, Passigli
L'Affittacamere, Frassinelli
Il Fiume delle nebbie, Frassinelli
Le Ombre di Montelupo, Frassinelli
A mani vuote, Frassinelli

Milano, 2007-06-26 13:30:12

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«I libri cambiano il mondo soltanto se il mondo riesce a digerirli»

(Luther Blissett, "Q")

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

La follia e l'implosione dell'evento
Le modalità della malattia mentale si radicano nelle strutture stesse dell’esistenza
Henry Maldiney (Pensare l'uomo e la follia) nota come nel linguaggio occidentale il lessico riferito al comprendere, custodisca una radice ‘prensile’. Nella follia, vi sono due cortocircuiti, che riguardano il rapporto tra esperienza e tempo da una parte, ed esperienza e spazio dall’altro. In entrambi i casi, quello della malinconia e quello della schizofrenia, Maldiney evidenza una sorta di patologia di esperienza, di cui l’impermeabilità all’evento è una delle cifre rappresentative. (Roberto Caracci)
In natura prevale la resistenza
Intervista a Luciano Erba
Luciano Erba, esponente di punta del gruppo di poeti denominato della Linea Lombarda, spiega il senso dei versi della raccolta poetica Remi in barca. Non un punto di arrivo, ma un economico riassetto personale, per procedere con maggiore efficienza e minor sforzo. (Maria Antonietta Trupia)
La scrittura di Pianissimo: la poetica dell’interiorità
Parte seconda: «Camminare è stato sempre il mio modo migliore di vivere»
La città moderna, finora estranea alla rappresentazione poetica, con Camillo Sbarbaro fa il suo ingresso nella storia letteraria come uno dei temi caratterizzanti la condizione esistenziale del Novecento, fra attrazione e terrore, partecipazione e rifiuto, via di fuga e condanna. Lo scenario della città come luogo del vagabondare notturno, diviene un ambiente, localizzato nei «vicoli» e nei «fondaci», animato dalle figure che nella prostituzione, nella povertà, nell’alcool consumano la propria esistenza, e a cui il poeta guarda con sentimenti di partecipazione, di «fraternità», quasi di invidia. (Daniele Pettinari)

L’energia delle città.
Percorsi e ipotesi di ricerca muovendo dal caso di Napoli
Da tempo, tra i temi evocati dalla storiografia ambientalista vi è il ruolo svolto dal sistema energetico e dalla straordinaria crescita urbana nell’indurre i cambiamenti degli assetti ambientali. La legge 9 gennaio 1991, n. 10, ha imposto ai comuni con oltre 50.000 abitanti di predisporre un piano energetico comunale che prevede una specifica attenzione per l’uso delle fonti rinnovabili di energia. Napoli detiene un primato in termini di densità abitativa che la rende dipendente da un flusso di energia in entrata molto elevato e ne fa un caso emblematico nell'ambito del panorama nazionale. A partire dal caso di questa città, si sollevano dunque alcuni interrogativi e si presentano alcuni primi risultati di una ricerca sulla storia dei consumi di energia nelle città italiane in età contemporanea. (Silvana Bartoletto)
Alla ricerca del romanzo perduto
Attraverso la terza dimensione del viaggiare
Viaggiare e leggere, si intrecciano in senso tridimensionale. La terza dimensione è quella esplorata da Paolo Di Paolo. Se siete stanchi di iniziare libri che non riuscite a terminare, la lettura di Ogni viaggio è un romanzo riporterà il sorriso sulle vostre labbra. (Redazione Virtuale)
Giovanni Sartori
Le sue opere sono tradotte in tutto il mondo
Giovanni Sartori è nato a Firenze. Laureato nel 1946 in Scienze Politiche e Sociali, già autore di una teoria riguardante la classificazione dei sistemi partitici, è riconosciuto come uno dei massimi esperti internazionali di politologia. Ha insegnato nelle università di Firenze, Stanford, Yale e Harvard e ha ricevuto numerosi riconoscimenti internazionali. (Redazione Virtuale)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008