ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

OPERE A-Z
Valerio Varesi

Le imperfezioni (1959)

Un testo insolito di uno scrittore di gialli
(Margaret Collina)

*
Piccoli furti misteriosi, un questurino filosofo che indaga con accanimento, un suicida il cui gesto lascia dubbiosi e sconcertati. Valerio Varesi non indaga su delitti qualsiasi, bensì sul Delitto dei nosti tempi: l'uccisione dell'etica, del senso di responsabilità individuale e collettiva.

*

ifficilmente si può dimenticare una frase come questa: «Non voglio uscire perchè la luce del giorno disturba la mia luce interiore», e difficilmente si può restare indifferenti di fronte a questo libro quantomeno inusuale nel panorama letterario italiano degli ultimi anni.

Varesi, giallista per convenzione, ma pur sempre scrittore sensibile, profondo, dallo stile inconfondibile perchè mai omologato, si cimenta in quest'ultima opera con tematiche talmente vaste da suscitare una timorosa inquietudine. La cifra, anche qui, è in apparenza quella del giallo: piccoli furti misteriosi, un questurino filosofo che indaga con accanimento, un suicida il cui gesto lascia dubbiosi e sconcertati. Ma subito, il lettore comprende che nel libro non si indaga su delitti qualsiasi, bensì sul Delitto, ovvero sul crimine esiziale dei nosti tempi: l'uccisione dell'etica, del senso della responsabilità individuale e collettiva. E tutto il romanzo si dilata in un lungo, serrato interrogatorio - che coinvolge insieme al protagonista, di volta in volta tutti gli altri personaggi - alla ricerca di un responsabile che resterà impunito, perchè non indentificabile, e dotato della forza cruenta dell'ineluttabilità.

I dialoghi apodittici, insinuanti, caratterizzati da un respiro universale (ormai così raro in letteratura), inducono a riflessione amarissima, eppure incontrovertibile, sui mali che affliggono il nostro tempo. Mentre il protagonista, nella sua ininfluenza esistenziale, nella sua tragica ammissione di impotenza, ci appare come una sorta di eroe paleocristiano, costretto alle catacombe della vita civile, per poter continuare a rispettare se stesso e la propria posizione ideologica minoritaria.

*

Ciò che i "perdenti" del romanzo trasmettono all'attento lettore, non è il senso della sconfitta, bensì la strenua lotta in difesa della propria diversità. Varesi fa dire a Savani, il giornalista umiliato, il mite antieroe del romanzo: «Allora ho guardato Corbetta, e ho pensato che la facoltà di interpretare è una continua mutilazione...», ma in realtà, da tutto il libro traspare una convinzione esattamente opposta dell'autore, che proprio attraverso la diegetica del suo scrivere, scava tanto in profondità, da estrarre infine gli elementi utili ad arricchire i nostri orizzonti vitali. Valerio Varesi è nato a Torino l'otto agosto 1959 da genitori parmensi. A tre anni è tornato nella città emiliana dov'è cresciuto e ha studiato. Si è laureato in filosofia all'università di Bologna con una tesi su Kierkegaard. corrispondente da Parma per «La Stampa» e «La Repubblica», nell'87 ha lavorato alla «Gazzetta di Parma» e nel '90 è passato alla redazione bolognese del quotidiano «La Repubblica», per cui attualmente lavora.

*

*

Per esprimere la tua opinione e partecipare al dibattito aperto innescato da questo brano:



NOTE



BIBLIOGRAFIA
Le imperfezioni, Editore Frassinelli (2007)
Ultime notizie di una fuga ed. Mobydick
Bersaglio, l'oblio edito da Diabasis
Il cineclub del mistero, Passigli
L'Affittacamere, Frassinelli
Il Fiume delle nebbie, Frassinelli
Le Ombre di Montelupo, Frassinelli
A mani vuote, Frassinelli

Milano, 2007-06-26 13:30:12

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


CAFFÈ DI INVERIGO
Al convegno abituale
Fra le colonne del Caffè
Il professore di lettere teneva banco
A una platea di sfaccendati.
Arrivava da un paese vicino
«perché non abita qui?» dicevano,
«e dopo» rispondeva «dove vado?»

(Giampiero Neri, Poesie 1960-2005)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Per una scenografia narrativa dei valori in atto
A proposito di una morale che non fa la morale
I valori morali elementari e universali di Sossio Giametta sono l’amicizia, il rapporto discepolo maestro, la maternità , il rapporto figlio-genitore e quello degli uomini con la natura e l’animalità , la malattia e la morte e la loro ripercussione su chi resta, la vanità , la malafede in agguato nella stessa generosità della munificenza apparentemente gratuita, il senso del bello che riscatta. Sullo sfondo, una concezione della natura umana, che vede nell’uomo, una checoviana marionetta in balia di madre natura. (Roberto Caracci)
In natura prevale la resistenza
Intervista a Luciano Erba
Luciano Erba, esponente di punta del gruppo di poeti denominato della Linea Lombarda, spiega il senso dei versi della raccolta poetica Remi in barca. Non un punto di arrivo, ma un economico riassetto personale, per procedere con maggiore efficienza e minor sforzo. (Maria Antonietta Trupia)
Essere senza domani
Le parole estreme di Antonia Pozzi
La vita di Antonia Pozzi in cui tutte le congiunture sembrano all’inizio favorevoli, o addirittura privilegiate, condivide, tra il 1930 e il 1938,lo stesso ambiente, esistenziale e culturale, di una generazione che s’incontra nelle università milanesi sotto la guida di Antonio Banfi. Eppure, dentro di lei, è aperta una ferita che non può richiudersi, che probabilmente neppure la possibilità di realizzare il suo sogno giovanile d’amore avrebbe rimarginato. Parte I. (Tiziano Salari)

I due destini di uno scarto
(Grazie ad esso la vita acquista un senso nuovo)
La velocita lo comprime. Ogni secondo diventa prezioso per chi vuole arrivare e per chi, al contrario, non desidera partire. O meglio... di-partire. Del tempo, dunque, meglio non gettare via nulla. Neanche uno scarto. (Carla Montuschi)
La liberazione del mistico quotidiano
Uscire dal pensiero pur continuando a pensare
Paulo Barone (Spensierarsi. Raimon Panikkar e la macchina per cinguettare) interpreta il maesto. La vera sostanza dell’Induismo e del Cristianesimo - dice - non è duale. La vera sostanza delle ‘religioni’, di quelle stesse che come roccaforti si scontrano dimenticando i mille cunicoli sotterranei che le uniscono, non è legata alla differenza, ma alla comunanza, alla co-appartenenza. (Roberto Caracci)
Un testimone del Novecento
Tra rigore morale e impegno intellettuale
Emilio Lussu fu un eminente testimone del Novecento italiano. Attraverso appassionate descrizioni della vita in trincea e, successivamente, dell'esperienza dell'opposizione al regime fascista e all'impegno socio-politico a favore della rinascita della sua terra, spesso a rischio della propria incolumità fisica, ha rappresentato con coscienza gran parte del Novecento italiano. (Ademario Lo Brano)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008