ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

OPERE A-Z
Gian Antonio Stella

La Casta. Così i politici italiani sono diventati intoccabili (2007)

Così i politici italiani sono diventati intoccabili
(Redazione Virtuale)

*
La Casta. Così i politici italiani sono diventati intoccabili, ovvero: stipendi favolosi, diarie, rimborsi, gratifiche, vitalizzi, pensioni dorate e precoci, autoblù, la scorte, l'aereo presidenziale, consulenze, poltrone, il finanziamento abusivo dei partiti, dei giornali di partito, il sottobosco di assunzioni nelle amministrazioni decentrate... Russo e Stella ci spiegano l'entità dello sfascio della Repubblica

    «Lasciamo stare, la sintesi è già chiara: la Casta politica, una volta che sei dentro, ti permette quasi sempre di campare tutta la vita. Un po' in Parlamento, un po' nei consigli d'amministrazione, un po' ai vertici delle municipalizzate, un po' nelle segreterie. Basta avere un po' di elasticità .» [Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella, La Casta]

*


come leggere che la vostra diletta metà , da anni, si vede con i vostri amici più fidati e più cari... Insomma, è una lettura interessante, ma per niente piacevole. Continuate, ma forse avreste preferito che vi fosse stato risparmiato. E così andate avanti, in un costante rigurgito di adrenalina, fino alla fine.

Grazie a Sergio Rizzo e ad Antonio Stella per l'accurata indagine sul fronte degli sprechi della nostra Repubblica. Grazie per aver scelto questo termine, “Casta”, che è diventato uno dei tormentoni più tenaci del nostro autunno melanconico. Volevate sorprenderci? Ci siete riusciti. Neanche davati al Bar Sport si osava ipotizzare una cialtroneria e una spuderatezza maggiori da parte dei nostri amministratori pubblici, qualità spalmate abbastanza omogeneamente lungo tutto l'arco costituzionale.

Il libro apre su un tempo felice, il Dopoguerra, in cui parlamentari e ministri tirano la cinghia, condividono l'appartamento per risparmiare e coprono la distanza tra l'alloggio e il parlamento prevalentemente a piedi o sull'auto di proprieta: una 1100 o addirittura una 600 e «la paga di un parlamentare medio sta tra il doppio e il triplo di un lavoratore medio. Fate voi il parallelo con oggi». E cioè? Lo stipendio di un parlamentare nel 2006 assomma a 15.706 euro, tra stipendio e diaria. Quanto prendeva Tony Blair quando abitava a Downing street.

Ma c'è di più. I rimborsi forfettari, da calcolare su base annua nell'ordine di supplementari 15.000 euro abbondanti, non suscettibili di rendicontazione; il diritto a circolare gratis su aerei, treni, traghetti, sulle autostrade, nei cinema e nei teatri; l'assistenza sanitaria integrativa e l'assicurazone contro il furto di oggetti nei locali della camera (vedi al capitolo Perso il Rolex d'oro? Paga la camera). Inoltre, il diritto, a fine mandato, a un assegno pari all'80% dell'importo mensile per ogni anno di mandato e a un vitalizio calcolato, in base al numero di anni del mandato, tra il 25% e l'80% dell'indennità , a partire dai 65 anni, riducibili a 60.

*

Se non vi sembra abbastanza, ci sono i benefit, tutti a carico del contribuente. Vanno dalla banale ma superaccessoriata, supedotata “autoblu” a una flottiglia di aeroplani: 4 Airbus A319, 2 Falcon 900 EX (16 posti intercontinentali) due Falcon 50 (9 posti) due elicotteri Agusta sh3d da 10 posti. «Ma non basta. Sono a disposizione infatti anche i velivoli della Cai, la Compagnia Aeronautica Italiana dei servizi segreti.»

Poi ci sono i simboli di status, primo fra tutti la scorta. Con la gestione di centro-sinistra si è passati da complessivi 727 scortati a 654, di cui 84 politici (erano 112).

Il solo Silvio Berlusconi, da premier aveva 81 agenti; «in attesa di lasciare il posto a Romano Prodi, decise di darsela da solo, la scorta per il futuro: 31 uomini [ridotti a 25]. Più la massima tutela a Roma, Milano, e Porto Rotondo. Più 16 auto, di cui 13 blindate.»

Che dire poi delle pensioni dei parlamentari, secondo il sistema contributivo, che scattano a 65 anni, riducibili di un anno per ogni anno passato nella tribuna parlamentare? Risultato, baby pensionati da 8000 euro al mese. Andate a dirlo al signor Cipputi, alle prese con lo scalone.

Poi c'è il finanziamento dei partiti. «Due numeri: per le elezioni europee del 2004 i partiti spesero in tutto 87.988.791 euro, ma quando passarono alla cassa ne ritirarono quasi il triplo e cioè 248.956.810.» Che è successo? Abolito tramite referendum popolare del 18 aprile '93, il finanziamento è stato sostituito da allora dai rimborsi elettorali: 800 lire di allora per cittadino, per camera (cioè 1600 lire a cittadino) nel '93, poi 4000 lire per cittadino per camera nel '99, poi l'aumento a 5 euro per cittadino per camera deciso nel 2002. «Una scelta discutibile con l'aggiunta di un'indecente furberia: anche il calcolo dei rimborsi per il Senato andava fatto sulla base degli elettori della Camera. I quali sono, senza calcolare gli italiani all'estero, 47.160.244. Contro i 43.062.020 degli aventi diritto a votare per Palazzo Madama: 4.098.224 in meno. Risultato: si sono accapparrati nel solo 2006 con quel trucchetto, 20 milioni di euro in più.» Questa sì che è arroganza trasversale, concittadini, tanto di cappello.

Se il parlamentare, non sia mai, dovesse risultare “trombato” alle elezioni, scattano le assunzioni milionarie ai vertici e nei consigli d'amministrazione degli enti e delle imprese statali: l'Enea, Finmeccanica, Cnel... e poi ci sono le consulenze, che affiancano l'opera dei 3.350.000 circa dipendenti pubblici. «Con una mano il politico fa assumere precari, raccomandati, stabilizzati, amici, parenti, elettori, portaborse e reggipanza senza un concorso serio da decenni e senza che nemmeno i più scadenti o almeno i ladri e i corrotti vengano buttati fuori. E con l'altra mano distribuisce all'esterno lavori profumatamente pagati sostenendo che nessuno tra i dipendenti è all'altezza di farli. Un circolo vizioso micidiale.»

*

Segue la vicenda del finanziamento dei giornali di partito, purché il candidato giornale sia sponsorizzato da due parlamentari titolari di un movimento politico, a prescindere la loro partito di appartenenza. Così è per «Il Folio», «Europa», «Liberazione», «Padania», «Secolo d'Italia», «Unità », «Avvenimenti», «L'opinione», «Libero»,... «il Denaro», «La Cronaca».

Ma Rizzo e Stella non si limitano alle malefatte dei parlamentari, che certamente, tra i parassiti, sono i più scostumati. Nelle regioni l'aria non è più respirabile e le provincie, è dimostrato, sarebbero addirittura tutte da abolire, altro che farne di nuove. Quanto ai sindaci, beneficiano anche loro (non tutti, si capisce, ci sono anche delle persone dabbene) di situazioni bizzarre, come il sindaco di Bolzano, che guadagna 12.434 euro al mese, il triplo della media delle città delle stesse dimensioni.

Scritto in un linguaggio giornalistico, colloquiale e schietto, La Casta si legge senza difficoltà , a parte un crescente disgusto e la fastidioda consapevolezza che dopo tutto si tratti di qualcosa che riguarda un benessere compromesso: il nostro.

Il libro (un milione circa di copie vendute in 5 mesi) è diventato un testo di riferimento per i seguaci del movimento del comico Beppe Grillo, che si propone l'azzeramento dei partiti e la loro sostituzione con il coinvolgimento di liste civiche composte da privati cittadini.

Dall'altra parte, i politici che si sentono punti sul vivo reagiscono con insofferenza ed evocano termini quali "qualunquismo", "populismo", "antipolitica"...

Insomma, un libro come questo, non certo un capolavoro della letteratura, né un esempio di scrittura creativa, è probabilmente destinato ad essere ricordato a lungo e preso ad esempio per i suoi tristi contenuti e per il fenomeno che mette in luce.

*

Per esprimere la tua opinione e partecipare al dibattito aperto innescato da questo brano:



NOTE
Le immagini (dall'alto): L'emiciclo del Parlamento; il palazzo di Montecitorio; un Falcon 900 della Compagnia Areonautica Italiana, dei Servizi Segreti.



BIBLIOGRAFIA
Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella, La Casta. Così i politici italiani sono diventati intoccabili, Rizzoli 2007

Milano, 2007-09-21 19:22:59

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«Scheletro, uomo delle tenebre, resuscitato e insieme morto irreparabilmente, doppiamente esperto di morte, rifiutato dal tempo, autore di libri inesistenti, sbagliati, impossibili, io, lo scrittore.»

(Giorgio Manganelli, Il rumore sottile della prosa)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Chi decide della dignità di un nano?
Ovvero, la liberta di liberarsi da alcune libertà fondamentali
Un sano pragmatismo fondato sull'alleanza tra scienza laica e filosofia permea Il lancio del nano, accanto a una tenace, puntigliosa, divertita curiosità per quelli che sono i veri e falsi dilemmi e i paradossi della morale moderna. Le forze oscurantiste ostacolano la risoluzione di tali dilemmi. Armando Massarenti inquadra la diatriba fra una cultura arroccata sul giustificazionismo a-storico, e una cultura aperta alla comprensione del nostro tempo, alla complessità dei suoi problemi, alle sfide della scienza e del sapere filosofico, e soprattutto ai mutamenti che le trasformazioni sociali impongono ai codici etico-morali. (Roberto Caracci)
Il ruolo dell'intellettuale contemporaneo
Intervista con Amos Luzzatto
Che scelte si possono operare quando ci sono forze gigantesche a influenzare la cultura che pervade i nostri sentimenti? Si può ancora parlare di “libero” arbitrio, di salvezza e di emancipazione? Che cosa possiamo conoscere? Che cosa dobbiamo fare? In che cosa possiamo sperare? Tre raccomandazioni di Amos Luzzatto per l'intellettuale contemporaneo impegnato a navigare attraverso le acque agitate di questa società, spazzata dal vento torrido dell'"antipolitica". (Laura Tussi)
L’aristocrazia letteraria di Tomasi di Lampedusa
Nel racconto “La sirena”, scritto negli ultimi mesi di vita, il livello reale e quello surreale si incontrano
Nato a Palermo da un'antica famiglia della nobiltà siciliana, Giuseppe Tomasi di Lampedusa comincia a scrivere, durante un soggiorno nella casa londinese di uno zio ambasciatore, saggi sulla letteratura inglese. D'indole solitaria, accetta intorno a sé solo una ristretta cerchia di intellettuali sciliani. «Scrittore di un unico libro» (Montale) a fianco del più celebre romanzo, senza volere considerare vere e proprie narrazioni le “lezioni“ di letteratura francese ed inglese, si collocano degnamente i Racconti che furono pubblicati postumi sulla scia del successo de Il Gattopardo, opera a cui si lega la fama dell’autore. (Anna Maria Bonfiglio)

L’energia delle città.
Percorsi e ipotesi di ricerca muovendo dal caso di Napoli
Da tempo, tra i temi evocati dalla storiografia ambientalista vi è il ruolo svolto dal sistema energetico e dalla straordinaria crescita urbana nell’indurre i cambiamenti degli assetti ambientali. La legge 9 gennaio 1991, n. 10, ha imposto ai comuni con oltre 50.000 abitanti di predisporre un piano energetico comunale che prevede una specifica attenzione per l’uso delle fonti rinnovabili di energia. Napoli detiene un primato in termini di densità abitativa che la rende dipendente da un flusso di energia in entrata molto elevato e ne fa un caso emblematico nell'ambito del panorama nazionale. A partire dal caso di questa città, si sollevano dunque alcuni interrogativi e si presentano alcuni primi risultati di una ricerca sulla storia dei consumi di energia nelle città italiane in età contemporanea. (Silvana Bartoletto)
Come Dio comanda, di Niccolò Ammaniti
Il punto di vista del criminale
Vincitore del premio Strega 2007, Come Dio comanda, è un'opera epica che si svolge nell'interland di una megalopoli italiana e ha per protagonisti un gruppo di emarginati nel loro cammino attraverso il crimine e alla ricerca della verità , costantemente attratti e storditi dai richiami ambigui di una sirena enigmatica e irresponsabile di nome Dio. (Redazione Virtuale)
Povera, ma non semplice
E alla fine l'hanno capita anche i critici
Anna Maria Ortese è tra i pochi scrittori italiani ad aver saputo praticare a livello altissimo la professione del giornalista, dell'inviato; ha saputo raccontare l'Italia del suo tempo, e non solo l'Italia, come pochi altri nostri scrittori e pochissimi giornalisti. La critica italiana e internazionale la pone oggi, con il suo spirito audace e visionario, tra le figure più grandi della letteratura europea, al pari della della Morante, della Woolf e della Mansfield. (Redazione Virtuale)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008