ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

OPERE A-Z
Franz Krauspenhaar

Era mio padre (2008)

Viaggio nel passato di una famiglia molto mittel-europea
(Pasquale Vitagliano)

*
Il libro di Franz Krauspenhaar, 'Era mio padre', è uno struggente viaggio della memoria, dove la grande storia si incrocia con i destini di una famiglia tedesco-italiana, nel segno della grande tradizione letteraria europea

*

ranz Krauspenhaar è disceso con questo libro autobiografico nella cripta della propria anima. Qui non ha contemplato la fine di un impero e di una civiltà ma la scomparsa disperata e liberatoria del suo doppio.

Era mio padre è un’opera sui doppi: padre e figlio, vita e morte, passato e presente, gloria e caduta, presenza e assenza, luoghi e non-luoghi. Quella che in superficie appare una lotta crudele e in fondo scontata, in realtà è una danza tra figure che si attraggono irrimediabilmente; l’intreccio tra opposti riflessi della stessa realtà.

C’è molta letteratura in questo libro, originaria o innestata. Anche se la narrazione di Krauspenhaar scortica fino all’osso la scrittura. Gronda lacrime e sudore, batte frustate sulla pelle del lettore, eppure lo lascia con la struggente impressione di un abbraccio perduto, la straziante memoria di un abbandono. La biografia dei Krauspenhaar è fatta della stessa materia dei libri: il padre Carlo, tedesco ma della regione ceca dei Sudeti, nato in Italia da Ernst, direttore dell’Hotel des Anglais, uno degli alberghi più prestigiosi di Sanremo; il nonno soldato a Belgrado per l’Impero Austro-Ungarico; il padre soldato della Wehrmacht durante la seconda guerra mondiale e combattente in Russia nella cavalleria tedesca, insieme al suo ronzino Siegfried; più volte scampato alla morte si stabilisce a Milano dove diventa responsabile dell’ufficio esportazioni di una ditta locale. Franz tratta la storia della sua famiglia con lo stesso tono con cui il Trotta di Joseph Roth parla dei suoi nella Vienna di fine Impero. Senza alcun cedimento, priva di qualsiasi indulgenza, la biografia dei Krauspenhaar assume con lo scorrere delle pagine il peso di un’epica collettiva, oltre il profilo personale del viaggio nella propria memoria.

*

La loro storia nasce lungo l’Elba, confine fisico e ideale tra Occidente e Oriente. La Milano di Franz è inedita, non più la città-da-bere degli anni ’80 e nemmeno la casbah metropolitana di oggi, piuttosto un’inattesa città finis terrae. La Milano dell’epigono dei Krauspenhaar acquista i contorni di una capitale di frontiera, di un’Elba dell’anima tra infinite possibilità e inesorabili fallimenti.

Negli intermezzi della narrazione, tra gli episodi che si intrecciano nei diversi livelli del racconto, non c’è solo letteratura, c’è anche il cinema. Travis Bickle, il Taxi driver di Scorsese, è diventato con tale naturalezza una delle figure di questo splendido Requiem, da dedurre facilmente che il titolo del libro non può non richiamare l’omonimo film di Sam Mendes. Allo stesso modo esplicito è il richiamo all’Heimat di Edgar Reitz. Il «viaggio centrale e finale della nostra vita insieme», Franz e Carlo lo fanno in Germania nel 1979. Qui Franz sente di essere tornato a casa, nella propria Heimat, non nella patria retorica ma nella terra dei padri, del proprio padre. Il luogo da cui, per quanto riguarda i Krauspenhaar, in un modo o nell’altro, tutto è partito. Un viaggio che sembra il prologo di quello luttuoso del padre in Svizzera, lontano dai luoghi più familiari, per togliersi la vita, per seguire il destino di Stefano, il figlio più delicato, il fratello amatissimo. «Sono andato via perché mio figlio non mi vedesse morire così», firmato C. K., Carlo Kraus, come dice Sullivan il protagonista del film di Sam Mendes. In questo dolore, in questo livido crepuscolo familiare ti resta il retrogusto di un’opera compiuta, di un tassello scovato in quella tela senza terra che è stata ed è ancora l’Italia nella sua letteratura recente.

E’ vero il romanzo di Kraus è a più livelli. Questa frammentarietà – che talvolta può apparire discontinuità di ispirazione – forse è il registro prescelto di un certo sincretismo. Forse un tocco di meta-letteratura. E’ lo stesso autore che infatti fornisce al lettore la misura del giudizio critico. «Ansimerai della mia stessa ansia». «Ti voglio far male (…). Ti voglio con me nel viaggio terreo, sentendo su di te tutto il peso degli anni difficili, delle occasioni perdute, la fame d’amore che ti dilania il petto per giungerti cancerosa fino al cuore spezzato». Prendo in prestito un’immagine offerta dallo stesso Franz. Il suo libro è una riuscita opera di “illusionismo”, come Houdini, anche Franz Krauspenhaar è entrato nella pagoda della sua memoria, incatenato dai suoi lutti inauditi, dai suoi soffocanti fallimenti e poi, alla fine della scrittura, ne è uscito fuori liberato. Dalla grande vasca colma d’acqua di questo suo romanzo Franz ne è uscito purificato. Compiendo una sorta di suicidio metafisico ha finalmente “ucciso” il suo doppio, ha reso comprensibili i lutti di Carlo e di Stefano, ha reso affrontabili i propri fallimenti.

*

In questo Requiem della memoria, in questo racconto che sembra il viaggio di ritorno de La Strada di Cormac McCarthy, Franz pone a se stesso la domanda più crudele. Tra Carlo e il libro tu scrittore chi sceglieresti? La vita o la letteratura, è la domanda decisiva. Proprio per questo non può che rimanere senza risposta, come la domanda che Dio pone a Giona, invertendo ogni rapporto naturale e profetico. Perché tutta questa rabbia? Resta la verità che Franz come Giona è uscito indenne dal ventre buio della balena. E forse con un po’ di rabbia in meno. Nemmeno il lettore è in grado di rispondere a quella domanda. Il lettore partecipa, si identifica. Percorre insieme a Franz questo percorso di formazione che ha il mistero di un’iniziazione e la percussione di una discesa all’inferno. Al termine di questo viaggio nella notte di Franz, anche il lettore riaffiora sul pelo d’acqua di una speranza attiva, Andrò avanti, farò il meglio che potrò. Legge queste ultime parole e nelle tempie gli rimbomba ancora la voce di Franz. Magicamente identica alla mia voce. Alla voce di ciascuno di noi lettori.

*

Per esprimere la tua opinione e partecipare al dibattito aperto innescato da questo brano:



NOTE
Le immagini (dall'alto):
Franz Krauspenhaar;
Joseph Roth;
Una veduta di Milano

Franz Krauspenhaar è nato a Milano nel 1960. Ha pubblicato i romanzi Avanzi di balera (Addictions, 2000), Le cose come stanno (Baldini & Castoldi, 2003), Cattivo sangue (Baldini Castoldi Dalai, 2005). È presente nell’antologia Best Off 2006 curata da Giulio Mozzi (Minimum Fax, 2006), e nell’antologia di racconti I persecutori (Transeuropa, 2007). Fa parte della redazione dei blog letterari Nazione Indiana e La poesia e lo spirito. Collabora con riviste e giornali scrivendo di letteratura.



BIBLIOGRAFIA
Franz Krauspenhaar, Era mio padre
Fazi 2008, Le vele
281 p., € 16,50

Milano, 2008-09-16 12:51:53

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«Tradiamo senza sosta noi stessi, quando preferiamo gli altri, quando per così dire li rendiamo migliori di quanto in definitiva non siano, ho pensato. Facciamo un torto a noi stessi in maniera ben più ripugnante, perché facciamo un torto a noi in loro favore e contro di noi.»

(Thomas Bernhard, Estinzione)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Il ritorno di Hermes nella critica letteraria
«Nel segno del Tao e di Mercurio, distruggiamo la regia più autoritaria e autoreferenziale che ci sia: quella dell’Ego.»
Capire non vuol dire circoscrivere il senso di un testo. Paolo Lagazzi ripropone un’ermeneutica che rispetti Hermes in ogni senso, e il testo con lui. Un’ermeneutica critica ‘nel tempo’, nel divenire. Una critica mimetica che trova il suo esponente più acuto in Pietro Citati. L’autore-critico porta dentro di sé due archetipi: il Saltimbanco baudelairiano, che viaggia sulla corda sospesa, e l’illusionista o il Mago, che riesce a tirare fuori dal reale quello che è nascosto, ma anche quello che non c’è, che non esiste, e gioca sul filo del mistero tra realtà e apparenza, caratteristiche che Lagazzi indica in scrittori come Barilli, Bontempelli e Zavattini. (Roberto Caracci)
Vertigine da infinito
Critica: il 'metodo Citati'
In questa intervista, Pietro Citati ripercorre il Novecento animato dall’interesse per l'infinità del 'senza limite', suggestione che, fin dai tempi dell’Ulisse dantesco, ha affascinato l’umanità. (Pierluigi Pietricola)
Una realtà da scontare
Le anguste vicende della piccola borghesia nelle pagine di Maria Messina (1887-1944)
Dimenticata dalla storia letteraria del Novecento, tratta dall’oblio grazie all’attenzione di Leonardo Sciascia, Maria Messina apre le porte di un mondo mediocre, chiuso nel proprio egoismo e refrattario ad ogni mutamento, un mondo di piccoli borghesi la cui unica preoccupazione è di salvare la faccia di fronte alla comunità cui appartiene. A questo universo ristretto e spesso meschino non è facile sfuggire, soprattutto per chi, come le donne che lei racconta, non riesce ad esercitare la propria libertà interiore. Le prigioni che descrive, che rinserrano tanto le vittime quanto i persecutori, sono i cerchi chiusi dentro i quali le protagoniste si vedono vivere. Nella rinuncia, nella resa, nell’accettazione di quello che è ritenuto ineluttabile non v’è debolezza o ignavia, ma il segno di una realtà da scontare. (Anna Maria Bonfiglio)

Luna Calante
Addio ai campi
Lo sviluppo incontrollato non produce solo scarti di materie, ma anche scarti umani. Nel senso che lo sviluppo crea lavori e professionalità che non hanno necessariamente bisogno del bagaglio di competenze e di valori acquisti nel tempo e trasmessi a chi viene dopo. Lo sviluppo crea professioni vincolate allo stretto orizzonte dei suoi progetti. Poi, finito il lavoro, finito il lavoratore. Prova ne è la distruzione del lavoro agricolo e della relativa cultura, per far posto ad una industrializzazione che ha snaturato il passato della gente. (Alessandro Pirovano)
Desolazione del povero poeta sentimentale
Centrale la tematica del "fanciullino rovesciato"
Chi, scrive Sergio Corazzini, è veramente malato muore un poco ogni giorno, come le cose. Egli non è poeta, un vate non muore mai. Egli invece è un piccolo fanciullo che sa soltanto di morire. La poesia, negazione di se stessa, è sempre più simile al silenzio. Questa dichiarazione, più di una confessione, è l'esito di un rassegnato raccoglimento (Redazione Virtuale)
Burchiello
Il suo lavoro letterario è il coronamento della tradizione comico-realistica
La poesia del Burchiello, artista geniale della tradizione comico-realistica, che visse alternando l'attività di poeta a quella non meno nobile di barbiere, che svolse a prevalentemente a Siena, è caratterizzata da un particolarissimo sperimentalismo, che muove dalla carica espressionista ed antiaccademica. Originale e sfrontato, in grado di portare avanti una vera e propria radicale rivoluzione nel campo della rimeria giocosa, è paragonato ai tre maggiori artisti del suo tempo. (Viviana Ciotoli)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008