ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

OPERE A-Z
Emilio De Marchi

Demetrio Pianelli (1890)

(Roberta Andres)

*
L’ambiente è quello della piccola borghesia impiegatizia milanese, impregnata di convenzioni sociali, di moralismo un po’ bigotto, di medietà un po’ squallida. L'opera più importante di Emilio De Marchi, inserisce il personaggio di Demetrio Pianelli nella scia dei topoi letterari di fine Ottocento-Novecento dell'"inetto", del "vinto", dell'"idiota", di colui che vive "con gli occhi chiusi".

*

esarino Pianelli, oscuro impiegato alle poste di Milano, con velleità mondane e spendaccione per accontentare la moglie Beatrice, si toglie la vita non riuscendo più a fronteggiare i debiti che ha contratto. La famiglia viene affidata al fratello Demetrio, povero impiegato sempre irriso dal fratello.

L’opera, che inizia così, racconta la dolorosa lotta di Demetrio contro i creditori, le sue pene di risparmiatore incompreso e spesso preso in giro da Beatrice. Unico conforto, la confidenza e l’affetto della nipotina Arabella, dato che Demetrio non riesce a conquistare né il cuore né la gratitudine della bella cognata, di cui si innamora.

Demetrio soccombe anche professionalmente, subendo un trasferimento. Beatrice sposa un ricco giovane campagnolo, vanificando i sacrifici di Demetrio, a cui non resta che rientrare nella solitudine del suo ruolo di impiegato senza affetti, con l’unica consolazione del bene che ha compiuto verso la famiglia del fratello scomparso.

Questa la trama del Demetrio Pianelli che Emilio De Marchi pubblicò a puntate tra il 1888 e il 1889 sul quotidiano milanese «L’Italia» col primo titolo de La bella pigotta, poi in volume, sempre a Milano nel 1890.

Il personaggio di Cesarino è caratterizzato da una forte vitalità, che viene però distrutta dal peso delle convenzioni, dall’orgoglio, dalla difesa della propria dignità: la scelta del suicidio è dettata da una lucida determinazione, per opporsi alla pressione violenta di un intero ambiente e del quadro sociale di contorno. Cesarino inveisce moralisticamente contro il mondo “cattivo”, “cane”, si conferma una vittima inconsapevole di sé e degli altri, preso in una rete di pregiudizi da cui non sa liberarsi e che finisce con l’annientarlo.

*

Demetrio, il fratello che si fa carico della famiglia di Cesarino, è un antieroe timidissimo, pudico, emotivamente bloccato. Soffre, per la situazione economica, per l’amore verso la cognata che non lo corrisponde, per le sopraffazioni del capoufficio; ma soffre in maniera composta, rassegnata.

Altro personaggio rilevante è la piccola Arabella, figlia di Cesarino e nipotina amata da Demetrio. De Marchi svilupperà il personaggio nel successivo romanzo (Arabella, 1892), descrivendo la sua vita da adulta.

A fianco di questi personaggi principali, l’ambiente è quello della piccola borghesia impiegatizia milanese, impregnata di convenzioni sociali, di moralismo un po’ bigotto, di medietà un po’ squallida. Tutti i personaggi in fondo non sono connotati nel bene e nel male, ma si muovono in uno strano limbo di confusione di valori. Sono dei vinti di un mondo ideologicamente più scialbo di quello verghiano, ma comunque pieno di un’umanità dolente.

L’autore, Emilio De Marchi (1851-1901) ha pubblicato, oltre a Demetrio Pianelli, considerato a ragione il suo capolavoro, altri romanzi (il già citato Arabella, Il cappello del prete, L’età preziosa) e vari saggi critici. Egli si colloca sulla scia del realismo milanese di tradizione manzoniana, pur essendo partito da posizioni vicine alla scapigliatura sociale che a Milano era stata particolarmente viva. Cattolico convinto, erede della tradizione risorgimentale, procede in tutte le sue opere a una critica serrata allo stato borghese polemizzando con lo scientismo positivista, ma anche con il materialismo dei ceti abbienti e contro l’inerte religiosità tradizionale, a favore di una religiosità fondata sul sentimento e sulla comprensione amorosa degli uomini, che lui auspica.

*

*

Per esprimere la tua opinione e partecipare al dibattito aperto innescato da questo brano:



NOTE
L'immagine qui sopra ritrae il busto di Emilio De Marchi a Milano, ai Giardini di Via Palestro.



BIBLIOGRAFIA
Emilio De Marchi, Demetrio Pianelli, Guanda, Biblioteca di scrittori italiani 2000, LXIX-730 p., € 36,15

Milano, 2007-04-05 15:46:13

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«La fame di storia esprime nelle nostre società un bisogno analogo a quello per cui si ricorre sempre più spesso alle pratiche psicanalitiche per la ricostruzione della nostra personalità individuale: un recupero delle nostre identità collettive perdute, della cui coscienza abbiamo bisogno per sopravvivere e per poter confrontarci con altre identità»

(Paolo Prodi, «laRepubblica», 27-09-2004)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Il Palazzo d'Inverno
La ricca e raffinata raccolta del museo Ermitage
Il termine "ermitage" in francese designa un luogo isolato, un "eremo". E questo fu il nome scelto dalla zarina Caterina II per indicare il palazzo in cui aveva disposto a San Pietroburgo le proprie raccolte; un luogo dove sfuggire al peso del governare. (Elena Marocchi)
Fragilità dell'identità nazionale
(Ma l'universale umano è un valore superiore)
Claudio Magris parla della natura che riveste un confine a lui prossimo e di quell'altra, la natura degli esseri umani. Parla di alcune opere che la sua penna felice ci ha donato, parla della letteratura e dei suoi guasti e parla del proprio rapporto con il lettore. Parla della lingua, dell'identità e della cultura nazionali come opportunità di conoscenza ma anche di disconoscimento. Parla della globalizzazione, della competitività e della crescente difficoltà che uno scrittore incontra oggi se vuole coprire fino in fondo il proprio ruolo d'intellettuale. (Sergio Sozi)
Nella piazza di San Petronio
Questa lirica, che rieccheggia il primo romanticismo, giunge fino a noi, attraverso il Novecento, viva e coinvolgente
L’evoluzione della poesia di Carducci, coincide con le sue esperienze umane e culturali. Nelle Odi barbare si accostano temi come il mito della romanità, il senso religioso di una misteriosa presenza superiore. Che Carducci fosse rimasto affascinato dalla Basilica di San Petronio e avesse di questa architettura una grande ammirazione lo svelano i versi: «le torri i cui merli tant’ala di secolo lambe, / e del solenne tempio la solitaria cima. // Il cielo in freddo fulgore adamàntino brilla; / e l’aër come velo d’argento giace // su ’l fòro, lieve sfumando a torno le moli / che levò cupe il braccio clipeato de gli avi» (Reno Bromuro)

Luna Calante
Addio ai campi
Lo sviluppo incontrollato non produce solo scarti di materie, ma anche scarti umani. Nel senso che lo sviluppo crea lavori e professionalità che non hanno necessariamente bisogno del bagaglio di competenze e di valori acquisti nel tempo e trasmessi a chi viene dopo. Lo sviluppo crea professioni vincolate allo stretto orizzonte dei suoi progetti. Poi, finito il lavoro, finito il lavoratore. Prova ne è la distruzione del lavoro agricolo e della relativa cultura, per far posto ad una industrializzazione che ha snaturato il passato della gente. (Alessandro Pirovano)
Le imperfezioni
Un testo insolito di uno scrittore di gialli
Piccoli furti misteriosi, un questurino filosofo che indaga con accanimento, un suicida il cui gesto lascia dubbiosi e sconcertati. Valerio Varesi non indaga su delitti qualsiasi, bensì sul Delitto dei nosti tempi: l'uccisione dell'etica, del senso di responsabilità individuale e collettiva. (Margaret Collina)
Lidia Ravera
Cantore delle trasformazioni della società e dei problemi dell'universo femminile
Lidia Ravera ha saputo rispecchiare con il suo lavoro il disagio di una generazione irrequieta e idealista. I suoi romanzi sezionano i legami familiari, i rapporti madre-figlio e padre-figlia - stereotipi relazionali che tendiamo a riprodurre anche nei rapporti di coppia – i genitori come elementi che condizionano prepotentemente la crescita, la vita personale e sociale degli individui (Luca Gabriele)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008