ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

INTERVISTE
Moni Ovadia

Dal palcoscenico all'aula

Significato e valore della trasmissione del sapere

(Laura Tussi)

*
Da questo colloquio con Moni Ovadia cerchiamo di ricostruire il percorso che ha portato il musico-teatrante all'insegnamento dell'umorismo ebraico all'Università di Padova, le emozioni e la lezione che lui stesso ha ricavato da questa esperienza e che condivide con noi.

    «Quindi bisogna che l’insegnante non abbia scelto la materia che insegna come una delle cose che poteva fare nella vita, ma che abbia una passione nei confronti di quella materia.»

*

utto l’apparato educativo, didattico e scolastico ha fatto capire la valenza di quegli incontri che Ovadia teneva in qualità di docente. Il suo approccio culturale ha finito per interessare l’università di Padova che gli ha offerto di tenere un corso sull’umorismo ebraico come professore a contratto.

Dalla capacità degli insegnanti di materie tecniche e scientifiche che riescono ad emozionare e a coinvolgere gli studenti, Ovadia ha compreso l’importanza della passione, dell’emozione nella trasmissione del sapere che attribuisce senso ultimo e significato attivo alla storia collettiva ed individuale. L’insegnante deve innescare nel giovane la passione per il sapere in modo che il suo cammino riveli ambiti creativi inediti e perfino stupefacenti. Il “maestro” deve sapersi ritrarre per lasciare al discepolo la sua stessa dignità e libertà nella ricerca della conoscenza per dare al processo conoscitivo un futuro di autonomia.

L’ispirazione di essere insegnante.

Francamente mi sono ritrovato in qualche modo in questo ruolo di insegnante, senza sceglierlo deliberatamente, ma perché sentivo di incontrare sempre più giovani che apprezzavano quello che dicevo e professavo, per cui capivo che tutto ciò aveva una ragione e una valenza didattica. Mi sono spesso ritrovato nelle scuole, nelle università, a tenere corsi sulla musica, come mia prima attività. In seguito ho cominciato a lavorare nell’ambito della cultura ebraica, sul teatro, fino ad arrivare all’università ed essere professore a contratto, presentando un corso sull’umorismo ebraico per la cattedra di storia del cinema.

*

L’identità dell’insegnante. I modelli educativi e pedagogici dell’insegnare.

Non ho un’esperienza specifica in campo didattico: le mie esperienze d’insegnamento sono state episodiche, ovviamente perché svolgo un altro mestiere, ma ritengo che l’obiettivo principale dell’insegnamento debba essere la formazione dell’essere umano e la trasmissione di sapere tecnico e critico, vale a dire la capacità di capire il fenomeno e comprendere lo specifico delle materie, la capacità di inventare, di orientarsi con le proprie forze critiche, perché altrimenti un sapere tecnico può produrre anche forme di asservimento.

Per la passione del sapere, l’insegnante è mosso dalla disciplina che insegna.

Per la passione del sapere, l’aspetto chiave per trasmettere sapere è di avere una propria passione per il contenuto di quella data disciplina che rappresenta l’insegnante. Quindi bisogna che l’insegnante non abbia scelto la materia che insegna come una delle cose che poteva fare nella vita, ma che abbia una passione nei confronti di quella materia. Per esempio, personalmente, sono sempre colpito e commosso soprattutto dalle materie scientifiche e dagli scienziati che quando parlano coinvolgono lo studente in uno straordinario mondo e riescono a suscitare emozioni anche in queste discipline, apparentemente “aride”.

L’insegnante, con tattiche didattiche e per svariate difficoltà, si fa carico della passione dello studente.

La passione per l’insegnamento è soprattutto passione per l’essere umano. La passione vera del giovane a cui si trasmette il proprio sapere deve essere caratterizzata dal fatto che lui raccolga questo sapere e lo trasformi in qualche cosa di più ricco che nemmeno ci si aspettava. Le difficoltà consistono soprattutto nell’essere generosi, nel sapere tirarsi indietro quando è necessario e nel lasciare spazio a colui che impara perché colui che insegna e chi recepisce l’insegnamento abbiano la stessa dignità e per fare questo spesso bisogna mettersi in gioco e in questione costantemente e questo è faticoso.

*

La scuola non è più interessante.

La scuola oggi tende ad essere meno interessante perché viviamo in una società complessa e agita da molte forze che comunicano informazione tra cui la più devastante e la più perniciosa è la televisione e certe forme di Internet perché è uno strumento poderoso. Il problema è quello di ingenerare la cultura verso l’interesse della trasmissione di sapere, mentre, al contrario, si predilige la trasmissione di informazione economica e tecnica per guadagnare quattrini. Attualmente la questione più importante non è possedere sapere per la bellezza del sapere, ma avere sapere solo quel tanto che serve a fare quattrini. Già all’interno della famiglia il giovane non riceve un’educazione basata su valori forti, quali l’apprendimento, la lettura, lo studio, ma riceve una costante relazione con il mezzo mediatico. Nel mondo ebraico i bambini venivano educati e avviati allo studio all’età di tre anni e si comunicava la passione per lo studio, per il ragionamento, per l’argomentare e il conquistare la ricchezza del pensiero. Oggi nessuno fa questo con i propri figli. Allora la scuola deve adeguarsi alla società e quindi impoverirsi.

*


Per esprimere la tua opinione e partecipare al dibattito aperto innescato su questo autore:



NOTE



BIBLIOGRAFIA
Moni Ovadia, L' ebreo che ride. L'umorismo ebraico in otto lezioni e duecento storielle, Einaudi, Stile libero, 2008. 224 p., € 11,00

Milano, 2008-07-08 14:04:22

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«Favole e sogni io fingo
eppure in carte
mentre favole e sogni
orno e disegno
in lor, folle ch’io son
prendo tal parte
che del mal che inventai
piango e mi sdegno.»

(Metastasio)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

La follia e l'implosione dell'evento
Le modalità della malattia mentale si radicano nelle strutture stesse dell’esistenza
Henry Maldiney (Pensare l'uomo e la follia) nota come nel linguaggio occidentale il lessico riferito al comprendere, custodisca una radice ‘prensile’. Nella follia, vi sono due cortocircuiti, che riguardano il rapporto tra esperienza e tempo da una parte, ed esperienza e spazio dall’altro. In entrambi i casi, quello della malinconia e quello della schizofrenia, Maldiney evidenza una sorta di patologia di esperienza, di cui l’impermeabilità all’evento è una delle cifre rappresentative. (Roberto Caracci)
Fragilità dell'identità nazionale
(Ma l'universale umano è un valore superiore)
Claudio Magris parla della natura che riveste un confine a lui prossimo e di quell'altra, la natura degli esseri umani. Parla di alcune opere che la sua penna felice ci ha donato, parla della letteratura e dei suoi guasti e parla del proprio rapporto con il lettore. Parla della lingua, dell'identità e della cultura nazionali come opportunità di conoscenza ma anche di disconoscimento. Parla della globalizzazione, della competitività e della crescente difficoltà che uno scrittore incontra oggi se vuole coprire fino in fondo il proprio ruolo d'intellettuale. (Sergio Sozi)
Una realtà da scontare
Le anguste vicende della piccola borghesia nelle pagine di Maria Messina (1887-1944)
Dimenticata dalla storia letteraria del Novecento, tratta dall’oblio grazie all’attenzione di Leonardo Sciascia, Maria Messina apre le porte di un mondo mediocre, chiuso nel proprio egoismo e refrattario ad ogni mutamento, un mondo di piccoli borghesi la cui unica preoccupazione è di salvare la faccia di fronte alla comunità cui appartiene. A questo universo ristretto e spesso meschino non è facile sfuggire, soprattutto per chi, come le donne che lei racconta, non riesce ad esercitare la propria libertà interiore. Le prigioni che descrive, che rinserrano tanto le vittime quanto i persecutori, sono i cerchi chiusi dentro i quali le protagoniste si vedono vivere. Nella rinuncia, nella resa, nell’accettazione di quello che è ritenuto ineluttabile non v’è debolezza o ignavia, ma il segno di una realtà da scontare. (Anna Maria Bonfiglio)

L’energia delle città.
Percorsi e ipotesi di ricerca muovendo dal caso di Napoli
Da tempo, tra i temi evocati dalla storiografia ambientalista vi è il ruolo svolto dal sistema energetico e dalla straordinaria crescita urbana nell’indurre i cambiamenti degli assetti ambientali. La legge 9 gennaio 1991, n. 10, ha imposto ai comuni con oltre 50.000 abitanti di predisporre un piano energetico comunale che prevede una specifica attenzione per l’uso delle fonti rinnovabili di energia. Napoli detiene un primato in termini di densità abitativa che la rende dipendente da un flusso di energia in entrata molto elevato e ne fa un caso emblematico nell'ambito del panorama nazionale. A partire dal caso di questa città, si sollevano dunque alcuni interrogativi e si presentano alcuni primi risultati di una ricerca sulla storia dei consumi di energia nelle città italiane in età contemporanea. (Silvana Bartoletto)
Musulmani d'Occidente
L'Islam nell'epoca postcoloniale
Per Khaled Fuad Allam (La solitudine dell'Occidente), l'identificazione nell'Islam autentico della dimensione religiosa con la dimensione politica è un malinteso che non ha fondamento. La costituzione di movimenti islamisti, secondo i quali l'Islam viene concepito come un sistema politico islamico, è infatti relativamente recente. L'estremismo è frutto delle frustrazioni di una mancata o cattiva integrazione di soggetti che sono doppiamente sradicati: nei paesi d'origine e in quelli d'accoglienza. L'autore ci fornisce la sua prospettiva sul fenomeno dell'immigrazione ed elabora una personale visione dell'Europa. (Redazione Virtuale)
Il caso e la necessità
La straordinaria avventura di un uomo-ragno
Tommaso Landolfi si laurea all'Università di Firenze in lingua e letteratura russa. Traduttore quindi di importanti autori russi, i suoi primi testi compaiono sulle riviste letterarie del tempo. Nobile aristocratico, ironico e indifferente, affascinato dai ragni, dal tappeto verde della roulette e dal caso, in cui crede dubitandone, ci ha lasciato una vasta opera letteraria, delle più pregevoli e raffinate, al di fuori del tempo, a livello dei maggiori protagonisti della sua incredibile epoca. (Redazione Virtuale)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008