ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

CONTRIBUTI
Raffaello Sanzio

Raffaello e la loggia di Amore e Psiche alla Farnesina.

La favola di Apuleio ricorda forse le vicende del costruttore

(Elena Marocchi)

*
La Farnesina, costruita da Agostino Chigi presso la Porta Settimiana nel 1505 è nota agli intenditori per la sua loggia e per le decorazioni eseguite da Raffaello sul tema di "Amore e Psiche".

    «Sopra un'alta montagna lascia, o re, la fanciulla ornata per le nozze di abiti funerei. Non aspettarti un genero nato da stirpe mortale, ma un crudele, un feroce, un mostro viperino, che volando con le ali nel cielo dà il tormento a tutti e con ferro e con fuoco distrugge ogni cosa; che lo stesso Giove teme, di cui gli dei hanno il terrore e anche i fiumi infernali e le tenebre dello Stige.» [Apuleio, Metamorfosi]

*

a Farnesina, villa romana di Agostino Chigi nei pressi della Porta Settimiana, costruita a partire dal 1505 e passata ai Farnese nel 1579, diventa nei primi decenni del Settecento il teatro di leggende rinascimentali che trovano la loro sintetica consacrazione nel racconto di de Broses.

Alla tradizione degli amori di Raffaello si aggiunge quella della rivalità con Michelangelo, dagli esiti assai fantasiosi, e agli occhi del dilettante tutta la decorazione, con poche eccezioni, si manifesta come un’opera di totale ispirazione raffaellesca, fino a far diventare la villa il luogo dove si possono trovare le opere più riuscite del pittore, un “amore personale, più che il Vaticano e più che Montorio”.

Prototipo e modello dell’edificio suburbano che tanta fortuna avrà nel Cinquecento romano, la Farnesina costituisce un punto di snodo fondamentale per la ricerche sull’architettura rinascimentale, sulla bottega di Raffaello, sulla diffusione di temi astrologici e sulla fortuna del fregio a soggetto mitologico nel Cinquecento.

Il nome del suo proprietario, Agostino Chigi, resta ineluttabilmente legato a quello di Raffaello. Il carattere e gli interessi del banchiere senese lo rendono un personaggio assolutamente peculiare nel panorama dell’epoca, grazie anche alla sua leggendaria ricchezza e al rilievo all’interno della corte pontificia.

È la loggia al pianterreno della villa, con le storie di Amore e Psiche, ad aver attirato una grandissima attenzione da parte degli studi: per la presenza, ancora una volta, del progetto raffaellesco, per la scelta del soggetto e la sua relazione con le vicende del committente, per il suo carattere di modello delle decorazioni profane che rivestirà nei secoli successivi, per essere stato uno dei primi luoghi oggetto di un intervento di restauro e della conseguente polemica letteraria.

*

La scelta del soggetto è stata spesso collegata con le nozze celebrate nel 1519: il contrasto fra la posizione sociale di Agostino e quella della sua sposa, l’accettazione e l’imposizione del matrimonio da parte della corte pontificia, assimilabile al consenso divino antico a cui viene presentata Psiche sul soffitto della loggia, sembrano rispecchiati dalla struttura stessa del mito e dai caratteri dei protagonisti.

Poiché prima della Farnesina la favola sembra aver avuto poca diffusione nelle arti decorative se si esclude l’ambito della pittura senese, è plausibile che Agostino nutrisse una qualche familiarità con il mito grazie alle sue origini, o che, come sembra probabile se confrontato con analoghe e coeve testimonianze, la presenza di un pezzo antico molto importante, la Psiche attualmente ai Musei Capitolini, collocata nella loggia, assai precocemente chiamata galleria, abbia influito sulla scelta del soggetto. È difficile infatti non pensare che la statua di Psiche, il cui possesso doveva certamente essere motivo d’orgoglio per Chigi, insieme a quello delle altre antichità, non abbia ispirato la decorazione, come avverrà, di lì a poco, in vicine circostanze.

I giudizi più strettamente contemporanei sull’operato di Raffaello nella villa di Agostino Chigi non furono certamente molto lusinghieri. All’epoca in cui la loggia doveva essere quasi terminata, nel gennaio del 1519, un corrispondente di Michelangelo a Roma poteva esprimere il famoso commento “chosa vituperosa ad un grande maestro, peggio che l’ultima stanza del Palazo assai”. In realtà, la trasformazione degli affreschi raffaelleschi per Chigi in modello per i pittori e la loro divulgazione attraverso la stampa furono molto rapide: non solo si assiste ad una grande fortuna delle singole raffigurazioni, ma anche alla diffusione delle idee di Raffaello per la decorazione delle pareti, mai portata a termine.

Il mito di Amore e Psiche, narrato da Apuleio all’interno delle Metamorfosi, era stato inserito da Boccaccio nella Genealogiae deorum. La storia lunga e densa di particolari narrativi della bella Psiche, adorata come Venere dai suoi concittadini, per questo invisa alla dea della bellezza ma amata appassionatamente da Amore, imponeva agli artisti e ai loro committenti una scelta piuttosto drastica degli episodi da raffigurare: la concinnitas raffaellesca della loggia consiste, come è noto, nel concentrarsi su dialoghi, concili e decisioni degli dei, lasciando alle lunette e alle pareti le vicende terrestri del mito.

*

Le lunette al di sotto dei pennacchi ospitano una decorazione “a paesi”, che andava caratterizzando, negli anni ottanta, molte delle residenze romane, a cominciare da alcuni ambienti degli stessi palazzi pontifici. Una lunga tradizione letteraria, che si andava precisando in criterio di decorum nella seconda metà del Cinquecento, lodava la presenza, negli edifici aperti su giardino, di “favole” antiche e di paesaggi.

La Loggia di Psiche alla Farnesina è considerata, proprio per la scelta del soggetto, l’esempio codificato di come personaggi privi di illustri antenati siano ricorsi al mito antico per decorare lo spazio delle logge, a cui sommamente di addicono le rappresentazioni profane.

La loggia chigiana diventa l’esempio per eccellenza di una decorazione realizzata con “cose poetiche”, considerate l’alternativa più valida e opportuna quando non si avessero a disposizione in famiglia episodi storici di un certo rilievo, essendo i proprietari “persone che sono più industriose che illustri, il che si vede dover farsi dall’essempio di Raffaele, il quale, nella prima loggia del palagio d’Agostin Ghisi, già ricchissimo mercante, gli finse nella volta il consilio delli dei e le nozze di Psiche.”

*


Per esprimere la tua opinione e partecipare al dibattito aperto innescato su questo autore:



NOTE



BIBLIOGRAFIA
F.Cappelletti, Appunti per una storia della villa, in Raffaello. La loggia di Amore e Psiche alla Farnesina, a cura di R.Varoli-Piazza, Silvana Ed., 2002.

Milano, 2007-10-12 19:55:51

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«Tradiamo senza sosta noi stessi, quando preferiamo gli altri, quando per così dire li rendiamo migliori di quanto in definitiva non siano, ho pensato. Facciamo un torto a noi stessi in maniera ben più ripugnante, perché facciamo un torto a noi in loro favore e contro di noi.»

(Thomas Bernhard, Estinzione)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Conversazione con se stessi
Il valore terapeutico della scrittura
Scrivere ci fa a volte trovare le parole per esprimerci e ci chiarisce sentimenti confusi, incertezze, ambivalenze dentro di noi. Quando siamo bloccati da angosce, nevrosi, sentimenti che non riusciamo a tirar fuori, magari solo perché ce ne vergogniamo o perché temiamo possano non piacere agli altri, essa può assumere un valore terapeutico. (Roberta Andres)
Fragilità dell'identità nazionale
(Ma l'universale umano è un valore superiore)
Claudio Magris parla della natura che riveste un confine a lui prossimo e di quell'altra, la natura degli esseri umani. Parla di alcune opere che la sua penna felice ci ha donato, parla della letteratura e dei suoi guasti e parla del proprio rapporto con il lettore. Parla della lingua, dell'identità e della cultura nazionali come opportunità di conoscenza ma anche di disconoscimento. Parla della globalizzazione, della competitività e della crescente difficoltà che uno scrittore incontra oggi se vuole coprire fino in fondo il proprio ruolo d'intellettuale. (Sergio Sozi)
L'umanità normale di Carlo Cassola
Il realismo sub-limimare, ovvero, il film dell'impossibile
Carlo Cassola, che ha creato alcuni personaggi femminili straordinari, riesce a infondere in ogni gesto quotidiano, anche il più banale, il senso profondo della vita. Tutta la sua l’opera ne illustra l’inesauribile bellezza e il fluire lungo la strada della poesia. Nelle storie di gente della borghesia contadina tipiche della Toscana, l'autore descrive la loro verità, la loro umanità poetica, che non esplode nella grandi emozioni, matura nella semplicità del vivere quotidiano. La verità che ne scaturisce è che nella vita tutto è memorabile e tutto è indifferente. Ed è l’indifferenza, vera o simulata, l'unica via di scampo, medicina infallibile per curare le ferite che la vita ci procura. (Roberto Izzo)

I due destini di uno scarto
(Grazie ad esso la vita acquista un senso nuovo)
La velocita lo comprime. Ogni secondo diventa prezioso per chi vuole arrivare e per chi, al contrario, non desidera partire. O meglio... di-partire. Del tempo, dunque, meglio non gettare via nulla. Neanche uno scarto. (Carla Montuschi)
Sulla traccia di Nives
Dialogo tra Erri De Luca e Nives Meroi
È una tra le pochissime donne ad aver scalato le vette più alte del mondo, tra cui dieci Ottomila metri saliti dall'alpinista bergamasca insieme a Romano Benet: Nanga Parbat (8125 m - 1998), Shisha Pangma (8046 m - 1999), Cho-Oyu (8202 m- 1999), Gasherbrum II (8035 m - 2003), Gasherbrum I (8068 m - 2003), Broad Peak (8047 m - 2003), Lhotse (8516 m - 2004), Dhaulagiri (8164 m - 2006), K2 (8611 m - 2006), Everest (8850 m - 2007). (Luca Gabriele)
Il caso e la necessità
La straordinaria avventura di un uomo-ragno
Tommaso Landolfi si laurea all'Università di Firenze in lingua e letteratura russa. Traduttore quindi di importanti autori russi, i suoi primi testi compaiono sulle riviste letterarie del tempo. Nobile aristocratico, ironico e indifferente, affascinato dai ragni, dal tappeto verde della roulette e dal caso, in cui crede dubitandone, ci ha lasciato una vasta opera letteraria, delle più pregevoli e raffinate, al di fuori del tempo, a livello dei maggiori protagonisti della sua incredibile epoca. (Redazione Virtuale)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008