ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

CONTRIBUTI
Henry Maldiney

La follia e l'implosione dell'evento

Le modalità della malattia mentale si radicano nelle strutture stesse dell’esistenza

(Roberto Caracci)

*
Henry Maldiney (Pensare l'uomo e la follia) nota come nel linguaggio occidentale il lessico riferito al comprendere, custodisca una radice ‘prensile’. Nella follia, vi sono due cortocircuiti, che riguardano il rapporto tra esperienza e tempo da una parte, ed esperienza e spazio dall’altro. In entrambi i casi, quello della malinconia e quello della schizofrenia, Maldiney evidenza una sorta di patologia di esperienza, di cui l’impermeabilità all’evento è una delle cifre rappresentative.

*

a follia si può pensare. Così come l’uomo può essere pensato. Perché la follia è umana: non è né vegetale, né animale, è profondamente ‘umana’. La follia è dotata di senso. Relegarla nel campo del non-razionale, dell’assurdo, dell’illogico, è troppo facile, e già dagli anni settanta sa di anacronistico.

1. IL RAPPORTO TRA LA FOLLIA E IL SUO SENSO (UMANO)

Vi è invece una ratio della follia, una logica e soprattutto un ‘senso’: anzi, ci insegna Maldiney, un modo di gestire il senso, di viverlo paticamente e di stravolgerlo. Lo stravolgimento del senso ha, nella follia, un suo senso esso stesso, come la stessa lotta tra senso e non senso ha comunque a che fare col telos, dunque con l’esistere, e con l’oscillazione che nell’ex-sistere continuamente si gioca tra il significato e la sua assenza.

2. PER UN COMPRENDERE CHE NON SIA UN PRENDERE

Non bisogna andare dunque troppo lontano dall’umano per cercare le radici della schizofrenia, della malinconia, della depressione o del delirio maniacale, tutti aspetti di quello che con un termine ancora troppo generico si definisce follia. Le modalità della ‘malattia’ mentale si radicano nelle strutture stesse dell’esistenza e vanno comprese. Ma comprendere cosa vuol dire, alla luce di un pensare la follia non topologico, normativo, e di un approccio psico-terapeutico non esaustivo, invasivo e in fondo autoreferenziale? Maldiney nota come nel linguaggio occidentale la gran parte del lessico riferito al capire, all’intelligere, al comprendere, custodisce dentro di sé una radice ‘prensile’ che fa del contatto intellettivo con le cose, il mondo, gli altri, sempre un ‘prendere’, un ‘afferrare’, un racchiudere, e molto meno spesso un lasciar essere le cose al di là della mano che si chiude, delle dita ripiegate, del pugno serrato: capire, com-prendere, ap-prendere, per-cepire, denunciano sempre già nell’etimologia questa persistente fenomenologia del prendere, della mano che afferra e fa suo, del circoscrivere e catturare, dunque del possedere. Può capitare anche a una analisi psicoterapeutica di considerare il paziente e i suoi stessi sogni ‘testi’ da capire, oggettivare in significato chiaro, circoscrivere semanticamente, piuttosto che interpretare nel rispetto dello stesso monito freudiano a rispettare il contenuto inesauribile delle emozioni di un uomo, come del testo latente e praticamente intraducibile dei suoi sogni.

*

3. IL DERAGLIAMENTO SPAZIO-TEMPORALE DELL’ESPERIENZA

Nella follia, vi sono due cortocircuiti, che riguardano il rapporto tra esperienza e tempo da una parte, ed esperienza e spazio dall’altro.

Quanto al tempo, vi è ad esempio l’esperienza del malinconico, che attraverso la forma dominante del rimpianto e del lamento ipostatizza il passato, o un evento del passato, e lo trasforma in destino. Quel destino pesa sul presente fino a far diventare questo dipendente, epigono e già postumo. Un’azione, un gesto, un accadimento del passato finiscono con l’essere assolutizzati, rendendo tutto ciò che accade dopo, a partire dal presente, inconsistente e superficiale, banale e inessenziale. Da una parte il passato è un esser-passato e non un passare, non ‘passa’ più nel presente, e si cristallizza sotto la forma del destino; dall’altra di quel passato il malinconico si sente responsabile e dunque in colpa. Ripete dentro di sè la formula stereotipata e in mille forme modulata: Se non mi fossi comportato così, non sarei così…, dove la subordinata ipotetica basata su un congiuntivo passato – e non la principale - rappresenta l’ossatura. Tutto è già avvenuto per il malinconico, tutto è già ‘dato’. I giochi sono già fatti, e il paradosso è che quel destino che dal passato rende inutile il presente è un destino di cui il malinconico si sente responsabile.

Una diversa modalità di scissione tra passato e presente è quella della schizofrenia, dove il tempo si presenta sotto forma di discontinuità, si serie di segmenti non comunicanti l’uno con l’altro, privi di soluzione di continuità.

4. LA METABOLIZZAZIONE DELL’E-EVENIRE

In entrambi i casi, quello della malinconia e quello della schizofrenia, Maldiney evidenza una sorta di patologia di esperienza dell’Ereignis, dell’evento (in senso heideggeriano): ossia una disposizione, nei confronti della realtà e-veniente, o neutralizzante o occlusiva, oppure ancora angosciosa. Si tratta in altre parole di una non-predisposizione all’accoglienza dell’evento come rottura, novità, crisi. Già l’assenza della capacità di de-cisione, è un sintomo di questa non apertura alla crisi del mutamento determinata dal carattere eventuale della realtà. Ma la rottura può essere determinata anche dall’esterno. In tale caso le difese del malinconico come diversamente dello schizofrenico si ergono inevitabilmente, le une come un ritorno regressivo nel fondo-passato di cui il presente o qualsiasi presunta novità non può essere che una replica, le altre come delirio maniacale che sposta in un futuro nebuloso o messianico la soluzione dell’angoscia o la metabolizzazione della crisi.

5. DISTANZA E PROSSIMITITA’

Nella follia, il rapporto tra esperienza e spazialità è altrettanto importante di quello tra esperienza e temporalità. Qui sono in gioco le due polarità della vicinanza e della lontananza, o meglio della prossimità e della distanza. Questi due aspetti, che dovrebbero nel rapporto io-mondo, io-tu, e io-io, essere giocati in circolo virtuoso dove nessuno dei due può fare a meno dell’altro, vengono invece vissuti separatamente nella malattia mentale e dunque anche stravolti: la prossimità privata della distanza diventa adesività, attaccamento, dipendenza, e alla fine sprofondamento in quel ‘fondo’ di cui il malinconico conosce la magnetica irresistibile gravità; la distanza a sua volta, privata della prossimità, alimenta il delirio maniacale dello schizofrenico, che lungi dal mantenere i piedi per terra sorvola il mondo, gli altri e se stesso come un albero sradicato e trascinato dal vento.

*

6. IL QUI SENZA IL LA’ E VICEVERSA: LO SPAZIO-TEMPO IRRIGIDITO

Accade che nel suo esser-ci, il qui del malinconico venga vissuto a prescindere da qualunque là, e viceversa il là dello schizofrenico venga vissuto senza nessun qui: e in ogni modo, nella malattia mentale, l’oscillazione e la distanza tra qui e là, tra prossimità e distanza, viene bloccata a favore di una scissione che fa dello spazio uno spazio fisso, bloccato, irrigidito, come del resto si irrigidisce il tempo quando il presente –come dice Maldiney– non viene vissuto nella sua sostanza di prae-sente, ossia di un io che è ‘innanzi’ al suo ente (che scava una distanza tra sé e il suo ente, o come direbbe Ricoeur, tra l’io e il me). II movimento della distanza, per così dire, quel movimento di oscillazione che fa entrare in gioco l’io col mondo, gli altri e sé medesimo, è ciò che manca alla follia: il tempo ne viene reso puntiforme, segmentato, cristallizzato, e lo spazio appiattito, come una superficie priva di prospettiva.

7. UN PRESENTE SENZA ENTE E SENZA STORIA

Se tutto è già avvenuto, siamo nel regno dell’avvento più che dell’evento. Siamo sempre troppo al di qua o troppo al di là rispetto all’evento, all’eventualizzarsi dell’esistere- che di per sé è uno sporgersi, un ex sistere verso l’evenire delle cose. L’impermeabilità all’evento è una delle cifre della follia. Se è vero che il presente è un prae-sens, un essere innanzi all’ente, e a quello stesso ente che noi siamo, accade qui invece che o noi siamo tutto con il ci dell’esserci, chiusi in un qui senza là, enti che non riescono a trascendersi, oppure siamo al di là dell’ente, più che innanzi, siamo cioè cosi trascendenti rispetto a noi stessi, al mondo e alle cose, da perdere ogni radice nell’esperienza effettuale dell’e-venire. La circolarità virtuosa tra immanenza e trascendenza dell’io rispetto a se stesso, è qui parallela a quella del qui e del là nello spazio, e del passare e dell’essere presenti nel tempo. Tra una immanenza che non si trascendentalizza e una trascendenza che non si immanentizza, il presente della follia vacilla: è l’ombra di un esserci che sprofonda nell’esser già stato o si libra nel delirio di un esser ancora-da-essere che divora se stesso, non cresce sopra le radici spazio-temporali dell’esperienza e non fa storia.

*


Per esprimere la tua opinione e partecipare al dibattito aperto innescato su questo autore:



NOTE



BIBLIOGRAFIA
Henry Maldiney, Pensare l'uomo e la follia. A cura di Federico Leoni, Einaudi, 2007

Milano, 2008-03-10 15:41:19

© Copyright italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«[...] il rapporto tra debito pubblico e prodotto interno lordo era al 60 per cento nel 1980, e nel 1983, alla fine del governo Spadolini, era salito al 70 per cento; nel quadriennio 1983-1987 (governo Craxi) raggiunse il 92 per cento, fino a toccare addirittura il 118 per cento nel 1992, anno del crollo della lira e del rischio d’insolvenza dello Stato.»

(Marco Travaglio, La Scomparsa dei fatti)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Il tempio inglese dell'arte italiana
All'avanguardia nella valorizzazione e nella conservazione dell'Arte
Inaugurata nel 1824 a Londra, è stata la prima pinacoteca ad ingresso gratuito. La ristrutturazione post-bellica consentì di ammodernare l’edificio di Trafalgar Square, che ospita un laboratorio permenente di restauro. Oggi la National Gallery vanta una delle più ricche collezioni di pittura europea. (Elena Marocchi)
La confusione dialogica
Intervista con Massimo Cacciari
La logica della Shoah è del tutto straordinaria rispetto ad ogni genocidio commesso e perpetrato nel passato. La Shoah ha degli elementi e degli aspetti anche culturali e anche religiosi e filosofici assolutamente peculiari. Quindi la Shoah non è ripetibile e riproducibile: è qualcosa di unico, di estremo e irripetibile e non per la quantità di vittime, ma per aspetti meramente qualitativi, in cui il male si è presentato in una forma eccessiva, esclusiva e irripetibile. (Laura Tussi)
La scrittura di Pianissimo: la poetica dell’interiorità
Parte prima. Un inno alla potenza del dolore
Camillo Sbarbaro inaugura il genere novecentesco del diario in poesia, ovvero il racconto in versi di una vicenda esistenziale, un nuovo modello di autobiografia, sommessa confessione dettata a fior di labbro, «sottovoce», «pianissimo». Il poeta segna la linea di congiunzione con la tradizione di fine secolo e il punto di trapasso verso una nuova poetica: quella dell’interiorità. (Daniele Pettinari)

Una forte speranza
La guerra vista da un bambino e la seconda bomba atomica
Human Rights Watch reputa che ci siano attualmente tra 200.000 e 300.000 bambini-soldato, arruolati e in armi in venti paesi in tutto il mondo. Infanzie negate e spesso soggette a orribili violenze, al servizio di bande di ribelli ma spesso anche di forze governative, partecipano a pieno titolo e a tutti gli effetti al combattimento. Vengono mandati avanti per individuare campi minati, compiere missioni suicide, fungere da collegamento come spie, messaggeri o vedette. (Rania El Mansour)
Capitale umano
Un piccolo investimento in vista di un più importante profitto
Un tempo, ci chiamavano sciuscià. Uscivamo da una guerra, dalle notti infinite di bombardamento continuo. Ora i nuovi reduci si chiamano Alì, Mohammed, Sharif, Shumon. Vengono dalla Nigeria, dal Marocco, dalla Romania, dall’Afghanistan. Approdano nelle nostre città e scalciano per accaparrarsi un cantuccio d’umanità. Eraldo Affinati, nel suo ultimo romanzo, 'La città dei ragazzi', insegna loro a esprimersi: scrivere e parlare italiano. Ma ha anche voglia di imparare, il maestro, di conoscere e vedere. Per questo segue i suoi allievi in un viaggio in Marocco, per ritrovare casa. Per costruire una tana, nel deserto della comunicazione. Per ritrovare volti e voci che il tempo ha spazzato via, come sabbia sotto il vento. (Luca Gabriele)
Il caso e la necessità
La straordinaria avventura di un uomo-ragno
Tommaso Landolfi si laurea all'Università di Firenze in lingua e letteratura russa. Traduttore quindi di importanti autori russi, i suoi primi testi compaiono sulle riviste letterarie del tempo. Nobile aristocratico, ironico e indifferente, affascinato dai ragni, dal tappeto verde della roulette e dal caso, in cui crede dubitandone, ci ha lasciato una vasta opera letteraria, delle più pregevoli e raffinate, al di fuori del tempo, a livello dei maggiori protagonisti della sua incredibile epoca. (Redazione Virtuale)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008