ITALIALIBRI - RIVISTA MENSILE ONLINE DI LIBRI ITALIANI, BIOGRAFIE DI AUTORI E RECENSIONI DI OPERE LETTERARIE

CONTRIBUTI
Filosofia minima

Siate precisi quando insultate

Maldicenze e invettive a prova di dizionario
(di Armando Massarenti)

*
L'insulto può avere un ruolo importante nelle nostre vite e va distinto dall'ingiuria e dall'invettiva, intese a por fine a ogni ulteriore discussione. Un festival chiamato «Pianeta Maldicenza» ha lo scopo di celebrare l'antico costume cittadino di parlare liberamente in un clima di satira mordace, nel giorno di Sant'Agnese

    «Gli amici si dicono sinceri, ma in realtà sinceri sono i nemici.» [Arthur Schopenhauer]

*

rendo questa citazione da L'arte di insultare di Arthur Schopenhauer. Un libriccino che è un po' una fregatura perché non contiene, in realtà, nessun autentico insulto, di quelli originalissimi e geniali di cui è infarcita la prosa del filosofo, soprattutto quando si riferisce a «quel cialtrone» di Hegel o alle imputridite università tedesche.

Quella frase va presa invece come una premessa generale per chiunque voglia capire perché, ed entro quali condizioni di contorno, l'insulto può avere un ruolo importante nelle nostre vite.

L'insulto è utile ed efficace quando in qualche modo dice - o perlomeno sfiora - la verità. E se dobbiamo ammettere che è più probabile che qualche verità scomoda su noi stessi ce la dica chi non ci vuole bene, e magari ci vuole offendere, sarebbe bello che invece qualche volta fossero proprio gli amici a dirci senza reticenze cosa pensano di noi.

Credo che sia proprio questo lo spirito di una tradizione aquilana, riportata in auge da alcuni anni da un festival chiamato «Pianeta Maldicenza», che ha lo scopo di «ricordare e celebrare l'antico costume cittadino di parlare liberamente, coraggiosamente e francamente di tutto e di tutti nel giorno di Sant'Agnese... in un clima di satira mordace mai pettegola, mai diffamatrice, mai calunniatrice».

*

Tra gli ospiti d'onore, c'è stato anche il senatore a vita Giulio Andreotti: un politico i cui celebri aforismi, scopiazzati senza capirli dai moralisti francesi, potevano conferirgli un'aura di saggezza solo in un Paese sostanzialmente analfabeta come l'Italia... Non sto dicendo sul serio, naturalmente. Sto solo provando a esercitare, appunto, l'arte della maldicenza, che assomiglia un po' alla parresia dei filosofi greci e un po' all'opposto degli Esercizi di ammirazione di Emil Cioran.

I requisiti più importanti della verità sono, forse ancor più della sincerità, l'accuratezza e la precisione. Ce lo ha insegnato il filosofo inglese Bernard Williams. Valori fondamentali anche per la maldicenza, che per essere efficace ha bisogno degli ausili necessari. Per esempio del dizionario di Giovanni Casalegno e Guido Goffi Brutti, fessi e cattivi. Lessico della maldicenza italiana, che raccoglie 2.800 voci, da «Abbaiatore» a «Zuzzurellone» - ma passando per ingiurie ben più incisive - attraversando tutta la storia della letteratura italiana e attingendo anche dallo spigliato linguaggio odierno usato su Internet. Strumento indispensabile e prezioso per confezionare insulti e maldicenze nella maniera più «precisa» possibile, e dunque più «onesta», il Lessico definisce l'insulto «un atto linguistico di sintesi», dove la parola «condensa tutto un giudizio, una valutazione, un'argomentazione complessa». È una «calunnia abbreviata», per dirla ancora con Schopenhauer. Va distinto dall'ingiuria e dall'invettiva che, scagliate contro l'interlocutore, lo offendono nel profondo con parole intese a por fine a ogni ulteriore discussione o argomentazione.

Sant'Agnese cade all'inizio dell'anno, il 21 gennaio. Il «Pianeta Maldicenza» dura più o meno una settimana, in quello stesso periodo. Da come andranno le cose nel resto dell'anno gli aquilani capiranno se hanno sfruttato bene questa loro opportunità. Se hanno insultato bene, con competenza e con giudizio.

*

*

Per esprimere la tua opinione e partecipare al dibattito aperto innescato da questo brano:



NOTE
Questo brano viene pubblicato nell'ambito del progetto formativo Il lancio del nano, promosso dalla Società Filosofica Italiana, per cortese concessione dell'editore Guanda




BIBLIOGRAFIA
Armando Massarenti,
Il lancio del nano. E altri esercizi di filosofia minima
(Guanda, Parma, settembre 2006)


I commenti dei lettori

Alberto B., Milano, 2008-03-16 21:48:23

Carissimo, mi trovo in una situazione delicata con tre persone. Le avrò davanti a me in una assemblea. L’articolo mi è MOLTO utile per difendermi!!Complimenti


Milano,

© Copyright 2007 italialibri.net, Milano - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza consenso di italialibri.net

Google
Web www.italialibri.net www.italialibri.org

AUTORI A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

SBN & RICERCHE...
Iccu
NOTIZIEITALIALIBRI
Notizie ItaliaLibri
Registrati!
Ricevi gratis i notiziari periodici con le novità librarie e le notizie di italialibri.net.
Gratis!

PROGETTO U.G.O.
Ugo


«Di democrazia, in quel caso, si può parlare ma a condizione che si precisi: democrazia nella pessima delle sue versioni degenerative, il regime della folla informe ed emotiva, della plebe inconsapevole e irresponsabile.»

(Gustavo Zagrebelsky, Il crucifige e la democrazia)

AUTORI A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

OPERE A-Z
A B C D E F G H I J K L M
N O P Q R S T U V W X Y Z

PAROLE NUOVE

Apocalisse da camera
Apologia dell'incomunicabilità
Ne La Piccola Apocalisse l’interesse della narrazione è totalmente rivolto alla parola. Tommaso Landolfi rimane ai margini del panorama intellettuale della sua epoca, ma è assolutamente rappresentativo della crisi esistenziale dell’uomo del Novecento: l’incomunicabilità, la rappresentazione letteraria come lente deformante della realtà sono prerogative onnipresenti nella scrittura landolfiana, nell'ambito di quel filone della prosa che oltrepassa i limiti del reale in direzione del fantastico. (Marta Ferri)
La confusione dialogica
Intervista con Massimo Cacciari
La logica della Shoah è del tutto straordinaria rispetto ad ogni genocidio commesso e perpetrato nel passato. La Shoah ha degli elementi e degli aspetti anche culturali e anche religiosi e filosofici assolutamente peculiari. Quindi la Shoah non è ripetibile e riproducibile: è qualcosa di unico, di estremo e irripetibile e non per la quantità di vittime, ma per aspetti meramente qualitativi, in cui il male si è presentato in una forma eccessiva, esclusiva e irripetibile. (Laura Tussi)
Gabriele D’Annunzio e il cuore messo a nudo
Una parentesi oscura nella vita del Poeta
Il Notturno andrebbe letta come l’opera di un cuore mis a nu alla maniera di Baudelaire, un taccuino esistenziale di dolore e sofferenza, con prospettiva sulla morte, come limite invalicabile dell’umana avventura. Quando la capacità di stupire venne meno, potè manifestarsi il D’Annunzio costretto a confrontarsi con uno stato e con sentimenti di sconfitta, di prostrazione, di ripiegamento, di delusione, di rinuncia e di tregua. (Fabrizio Falconi)

L’energia delle città.
Percorsi e ipotesi di ricerca muovendo dal caso di Napoli
Da tempo, tra i temi evocati dalla storiografia ambientalista vi è il ruolo svolto dal sistema energetico e dalla straordinaria crescita urbana nell’indurre i cambiamenti degli assetti ambientali. La legge 9 gennaio 1991, n. 10, ha imposto ai comuni con oltre 50.000 abitanti di predisporre un piano energetico comunale che prevede una specifica attenzione per l’uso delle fonti rinnovabili di energia. Napoli detiene un primato in termini di densità abitativa che la rende dipendente da un flusso di energia in entrata molto elevato e ne fa un caso emblematico nell'ambito del panorama nazionale. A partire dal caso di questa città, si sollevano dunque alcuni interrogativi e si presentano alcuni primi risultati di una ricerca sulla storia dei consumi di energia nelle città italiane in età contemporanea. (Silvana Bartoletto)
Sulla traccia di Nives
Dialogo tra Erri De Luca e Nives Meroi
È una tra le pochissime donne ad aver scalato le vette più alte del mondo, tra cui dieci Ottomila metri saliti dall'alpinista bergamasca insieme a Romano Benet: Nanga Parbat (8125 m - 1998), Shisha Pangma (8046 m - 1999), Cho-Oyu (8202 m- 1999), Gasherbrum II (8035 m - 2003), Gasherbrum I (8068 m - 2003), Broad Peak (8047 m - 2003), Lhotse (8516 m - 2004), Dhaulagiri (8164 m - 2006), K2 (8611 m - 2006), Everest (8850 m - 2007). (Luca Gabriele)
Giovanni Sartori
Le sue opere sono tradotte in tutto il mondo
Giovanni Sartori è nato a Firenze. Laureato nel 1946 in Scienze Politiche e Sociali, già autore di una teoria riguardante la classificazione dei sistemi partitici, è riconosciuto come uno dei massimi esperti internazionali di politologia. Ha insegnato nelle università di Firenze, Stanford, Yale e Harvard e ha ricevuto numerosi riconoscimenti internazionali. (Redazione Virtuale)


ALTROVE






Pubblica annunci su ItaliaLibri
Pubblica annunci Google AdWords su ItaliaLibri
http://www.italialibri.net - email: - Ultima revisione Mer, 15 mag 2008